QR code per la pagina originale

Windows Phone, due display per il multitasking

I Windows Phone del futuro potrebbero essere dotati con due schermi per la gestione del multitasking: ecco il brevetto di Microsoft.

,

Microsoft pensa ai Windows Phone del futuro e prova a rivoluzionare il settore cambiando nettamente il concetto di multitasking. Una delle funzioni più ambite per gli smartphone odierni potrebbe, nella visione del colosso di Redmond, cambiare radicalmente, dando ai consumatori degli smartphone suddivisibili in due parti per gestire più applicazioni contemporaneamente. Il progetto era stato presentato tempo fa in un video (visibile a fondo articolo) e si rivede oggi con una domanda di brevetto per la paternità della tecnologia.

I potenziali Windows Phone futuri disporranno di due schermi ognuno indipendente dall’altro, in modo che possano svolgere funzioni completamente diverse oppure integrarsi tra loro, combinandosi grazie a una sorta di applicazione magnetica. Ogni parte sarebbe dotata di touchscreen e, mettendole insieme, saranno in grado di rivoluzionare il multitasking come lo conosciamo oggi. Pur stando separati, sia l’uno che l’altro display godranno di tutte le caratteristiche del dispositivo, compresa la possibilità di chiamare o navigare su Internet.

Nel filmato viene mostrato il funzionamento di un prototipo equipaggiato con questa tecnologia. Un uomo d’affari individua la posizione dell’interlocutore grazie a una parte dello smartphone, che viene poi utilizzata per chiamare lo stesso, mentre l’altro schermo è adibito a funzioni di videochiamata. Al termine della conversazione i due pannelli vengono combinati, e tramite il “drag and drop”, l’utente può immediatamente ricevere indicazioni su come raggiungere la persona con la quale stava parlando. Alla fine, vengono mostrate funzioni di realtà aumentata, che indicano direttamente sul pavimento la direzione da prendere.

L’idea è ovviamente ancora lontana dal debuttare sul mercato, ma permette già di provare a immaginare come potrebbero funzionare gli smartphone del futuro. Il fatto che Microsoft stia provando a registrare questa tecnologia è la dimostrazione che i tecnici di Redmond ci credono, o perlomeno, vogliono mettere al sicuro dal plagio qualcosa che tra qualche anno potrebbe diventare fattibile per la grande distribuzione.

Notizie su: ,