QR code per la pagina originale

Google aggiorna Hot Searches

Google aggiorna la funzione Hot Searches: fornisce ora le tre notizie di maggior rilievo, che vengono aggiornate ogni ora e sono arricchite da link e foto.

,

Google ha aggiornato la funzione Hot Searches, che è parte di Google Trends, introducendo nuove funzionalità e migliorie utili a renderla più attraente per l’utente finale. Gli hot topics, ovvero i temi di maggiore rilievo, adesso vengono accompagnati da varie immagini e da link che portano a notizie correlate a ogni specifico argomento.

Le novità appena implementate in Hot Searches rendono la pagina di Google più simile, esteticamente, a una rivista con la quale l’utente può restare costantemente aggiornato su quelle notizie considerate di maggiore interesse sul Web. Prima la funzione forniva 20 risultati al giorno, mentre con l’aggiornamento in questione il numero si è ridotto ad appena 3 unità, anche se la lista delle notizie viene aggiornata ogni ora; viene inoltre introdotto un sistema di filtraggio che aiuta Google ad assicurarsi che l’elenco comprenda solamente quelle news davvero più calde della giornata.

Google Hot Searches

Il look del nuovo Google Hot Searches.

Se dunque da una parte Hot Searches è stata migliorata in quanto a efficienza e sembra, in effetti, esteticamente più simile ad una rivista dinamica, dall’altra parte sono molti i commenti negativi pervenuti in Rete in queste ore dall’introduzione dell’aggiornamento. In particolare, le critiche riguardano la scelta di fornire esclusivamente tre risultati al giorno, che in effetti potrebbero non bastare a coprire davvero le notizie più calde che circolano in Rete.

Google però sottolinea che, con le novità introdotte, «per creare la lista di Hot Searches, che viene aggiornata ogni ora, un algoritmo analizza milioni di ricerche effettuate negli Stati Uniti e determina quali query sono molto più cercate rispetto alle altre e molto più del solito». Il servizio insegue insomma precise finalità e rincorrere la quantità delle proposte non sarebbe pertanto significativo ai fini dell’obiettivo prefissato.

Fonte: Google Blog • Via: Search Engine Watch • Notizie su: