QR code per la pagina originale

Porno e videochat erotiche spopoleranno sui tablet

Una ricerca di mercato evidenzia come gli utenti preferiscano oggi i tablet per guardare video porno e fruire di videochat erotiche.

,

I tablet stanno riscuotendo un considerevole successo sul mercato tanto da spingere i svariati produttori a lanciare continuamente nuovi prodotti nel tentativo di cavalcare l’onda. Tra le tante funzionalità che offrono, ve ne sarebbero però due in particolare ad attrarre l’utenza, ovvero la visualizzazione dei video porno e la fruizione delle videochat erotiche.

È quanto sottolinea una proiezione di mercato di Juniper Research, che svela come entro tre anni triplicherà il numero dell’utenza che fruirà di contenuti per soli adulti direttamente dal tablet. Da qui al 2015, è previsto dunque un considerevole aumento della visualizzazione di materiale pornografico e dell’uso di videochat erotiche, con gli utenti appassionati di contenuti a luci rosse che cambieranno le loro abitudini e utilizzeranno più le tavolette digitali che i PC desktop e notebook per concedersi l’intrattenimento.

Conteggiando tutti i dispositivi mobile, Juniper Research stima che il mercato dei video porno su tablet e smartphone varrà ben 1,5 miliardi di dollari nel 2017, ovvero più del triplo di quanto si crede genererà quest’anno. A guadagnarne saranno soprattutto gli operatori telefonici, dato che il numero degli abbonati ai contenuti per adulti aumenterà tanto da permettere alle videochat erotiche di rappresentare la metà di tutte le entrate dei carrier.

I possessori di tablet, inoltre, sarebbero in media più ricchi di coloro che possiedono esclusivamente uno smartphone e di conseguenza vengono indicati dalla ricerca più propensi ad utilizzare la carta di credito per acquistare i contenuti porno.

Secondo quanto evidenziato da Juniper Research, «i primi siti di intrattenimento per adulti ottimizzati per iPad siano stati aperti prima che il tablet della Mela raggiungesse il successo planetario fra i consumatori»: i siti porno a pagamento sono infatti stati i primi a sfruttare le peculiari feature della tavoletta digitale con la mela morsicata realizzando contenuti ottimizzati per la visualizzazione sulla stessa.

Notizie su: