QR code per la pagina originale

Google Chrome si aggiorna per il Retina Display

Google sta lavorando ad un update di Chrome in grado di rendere il software compatibile con lo standard Retina Display del nuovo MacBook Pro.

,

Il lancio del nuovo MacBook Pro con Retina Display ha mobilitato non solo l’industria hardware, bensì anche quella software. La dimostrazione giunge da un nuovo annuncio targato Google: l’azienda di Mountain View ha infatti ufficializzato l‘arrivo di una versione del browser Chrome ottimizzata per l’esecuzione a bordo di tale portatile, adattandosi alla perfezione all’elevata risoluzione che esso è in grado di offrire, alzando l’asticella della qualità dell’applicazione.

Con i suoi 2.880×1.800 pixel di risoluzione, d’altro canto, il nuovo MacBook Pro vuole garantire una resa delle immagini e del testo senza precedenti, rendendo sostanzialmente indistinguibili i singoli pixel sullo schermo (per ogni pollice se ne contano ben 220). Un simile passo in avanti dal punto di vista tecnologico non può non essere seguito da ulteriori innovazioni nel campo del software, con la necessità di sviluppare applicazioni in grado di far bella figura anche ad una risoluzione così elevata, sfruttandone tutti i vantaggi.

Google Chrome per Retina Display

Google Chrome a confronto: versione tradizionale (sinistra) e Retina Display (destra)

Una delle prime applicazioni a rifarsi il look per adattarsi al display del nuovo portatile della mela morsicata è dunque Chrome, il browser di casa Google che da lungo tempo sfida Apple sul proprio terreno, ove Safari continua a duellare proprio con la controparte di Mountain View per il ruolo di protagonista nella navigazione attraverso il Web nel mondo Mac. Il ramo Canary del browser ha dunque iniziato a ricevere i primi aggiornamenti in grado di rendere il software compatibile con i nuovi MacBook Pro, con l’edizione finale che potrebbe giungere già entro breve agli utenti.

La presentazione del nuovo portatile della linea Pro del gruppo di Cupertino, insomma, può rappresentare l’inizio di un nuovo processo di evoluzione del settore informatico sia dal punto di vista hardware che software, con i produttori che nei prossimi mesi potrebbero iniziare a lanciare sul mercato soluzioni in grado di competere con la controparte della mela morsicata, mentre gli sviluppatori inizieranno ad ottimizzare le proprie applicazioni per essere eseguite al meglio in tali contesti.

Fonte: Google • Immagine: Creative Commons • Notizie su: