QR code per la pagina originale

Bing e Yelp, insieme per la ricerca locale

Bing ha siglato un accordo con Yelp per visualizzare sul motore Microsoft i risultati riguardanti la ricerca locale.

,

Microsoft ha annunciato una nuova funzionalità per il suo motore di ricerca, Bing, che da oggi si avvale della collaborazione con Yelp. Grazie a questo accordo, Yelp porterà su Bing tutto il suo materiale, che comprende recensioni e fotografie sulla ricerca locale. Il tutto per rendere Bing più competitivo nei confronti del leader incontrastato del settore, ovvero Google.

L’accordo arriva dopo un mese dall’addio, da parte di Google, di Google Place, a favore di un approccio più sociale, fornito da Google+. Per quanto riguarda Bing, invece, la pagina di ricerca locale visualizzerà il tag “Powered by Yelp”, e gli utenti potranno visualizzare le recensioni dei clienti, la descrizione e le valutazioni su una mappa fornita da Bing Maps. La collaborazione tra Bing e Yelp, quindi, è vista come un’occasione per migliorare l’esperienza di navigazione e ricerca degli utenti, soprattutto nell’ambito della ricerca locale. Per adesso il servizio sarà disponibile solo per gli Stati Uniti, ma in futuro è presumibile che Microsoft estenda questa funzionalità a tutto il resto del mondo così come per il resto dei servizi del motore.

Bing ha subìto un importante aggiornamento per assumere un’aspetto più sociale, e l’integrazione di Yelp dovrebbe fornire agli utenti maggiori fonti di informazioni. La rincorsa di Bing a Google passa anche da tentativi come quello di unire il motore di ricerca ad un servizio come Yelp: Microsoft sta siglando diversi accordi per estendere la copertura del proprio servizio, e tra questi vanno ricordati la recente partnership con l’Enciclopedia Britannica, nonché ovviamente l’integrazione con Facebook.

Tuttavia non sarà facile per Microsoft riuscire in questa impresa, almeno non nel breve termine: da anni, ormai, il termine Google è diventato sinonimo di ricerca e, nonostante le buone qualità mostrate da Bing, bisognerà aspettare ancor molto prima di poter vedere una vera e propria competizione tra i due colossi della ricerca online: il monopolio naturale occupato da Mountain View ad oggi non dà cenni di cedimento.

Fonte: Techcrunch • Via: WebProNews • Notizie su: