QR code per la pagina originale

iPhone e iPad vietati a chi ha legami con l’Iran

Gli Apple Store americani non vendono dispositivi a clienti provenienti o che hanno a che fare con l'Iran.

,

iPhone e iPad non possono essere venduti a chi ha legami con l’Iran. È quanto sostiene un impiegato dell’Apple Store presente nel North Pointe Mall di Alpharetta, una città della Georgia, negli Stati Uniti. La vicenda vede protagonista la 19enne Sahar Sabet e suo zio, entrambi cittadini americani, ai quali è stato impedito di acquistare lo smartphone e il tablet di Cupertino dopo aver scambiato qualche parola in farsi, una delle lingue parlate dalla popolazione iraniana.

Quando i due hanno chiesto spiegazioni, l’unica risposta ottenuta è stata “Non ve li posso vendere, le nostre nazioni non hanno buoni rapporti”. Lo stesso trattamento è stato riservato anche a Zack Jafarzadeh, che ha accompagnato un amico iraniano in un Apple Store di Atlanta, come riportato sulle pagine di 9to5Mac.

Non gli hanno detto “tornatene in Iran” o altre cose di questo tipo. Stava semplicemente parlando farsi e un rappresentante del punto vendita non ha permesso l’acquisto. Se avete intenzione di comprare un iPhone, non dite nulla sull’Iran, è meglio per voi.

Tornando alla vicenda di Sahar Sabet, è tornata una seconda volta nel punto vendita accompagnata da una giornalista di WSBTV. Lo stesso dipendente ha spiegato che il suo comportamento è dovuto a una norma presente nella policy di Apple riguardante le esportazioni, vietate in paesi come l’Iran, Cuba, la Corea del Nord, il Sudan e la Siria. La ragazza ha inoltre chiamato il servizio clienti della mela morsicata, che si è scusato per l’accaduto e ha suggerito di effettuare l’acquisto online.

Troppo zelo o discriminazione razziale? Parlare farsi in modo fluente farsi non significa per forza di cose essere cittadini iraniani o aver intenzione di esportare il dispositivo nel paese mediorientale. Un episodio di certo destinato a far discutere, su cui Apple dovrà necessariamente fare chiarezza per evitare in futuro il verificarsi di altre situazioni simili.

Notizie su: