QR code per la pagina originale

App Store: modifiche alle ricerche, forse con Chomp

Secondo gli sviluppatori, Apple starebbe per introdurre modifiche alle ricerche su App Store, nate forse con la collaborazione di Chomp.

,

Cambiamenti in arrivo su App Store: secondo alcuni sviluppatori di applicazioni per sistemi iOS, Apple starebbe apportando modifiche potenzialmente significative per l’algoritmo di ricerca integrato nello store virtuale per iPhone, iPad e iPod Touch. E pare che possa esserci lo zampino di Chomp, ovvero la startup che Cupertino ha acquisito nel mese di febbraio.

Modificando l’algoritmo per il sistema di ricerca di App Store, Apple andrebbe ad offrire maggiore visibilità alle applicazioni popolari e che hanno ottenuto buone recensioni, mentre andrebbe a porre una minor rilevanza al nome che, in alcuni casi, può non esser stato ben scelto dallo sviluppatore. Un altro cambiamento importante riguarderebbe il numero dei download, infatti le app più scaricate dovrebbero essere maggiormente visibili tra i risultati di ricerca.

Lo scopo sarebbe quello di migliorare lo store virtuale per sistemi con cuore iOS, offrendo agli utenti una maggiore possibilità di non lasciarsi scappare quelle applicazioni meglio realizzate e più apprezzate dagli amanti della Mela. Una modifica del genere andrebbe a cambiare ulteriormente il metodo di ricerca dei software, che metterebbe in primo piano determinati contenuti, ma ne tralascerebbe molti altri.

Qualche mese fa Apple ha acquisito Chomp, un’azienda per l’indicizzazione delle applicazioni che fa ora parte del team di Cupertino e che potrebbe aver contribuito alle modifiche che l’azienda apporterà in App Store. Tra l’altro, in seguito all’acquisizione, Chomp per Android è stato ridimensionato e presto questa tecnologia diverrà esclusiva per Apple.

Se queste indiscrezioni si rivelassero veritiere, significherebbe che – probabilmente con iOS 6 – si assisterà a un App Store dove la qualità dei contenuti e le capacità degli sviluppatori verranno maggiormente premiate. Apple è stata contattata da TechCrunch per un commento a riguardo, ma non ha ancora risposto.