QR code per la pagina originale

Larry Page salterà il Google I/O: problemi di salute?

Preoccupazione per Larry Page: a causa di un'afonia temporanea il co-fondatore di Google salterà i prossimi eventi in programma.

,

Larry Page non ha potuto partecipare all’assemblea degli azionisti organizzata da Google per mancanza di voce, ma a quanto pare non si è trattato di un problema di salute momentaneo: l’amministratore delegato e co-fondatore di Mountain View avrebbe infatti annullato anche gli appuntamenti ai quali avrebbe dovuto partecipare nella prima metà di luglio.

È quanto si apprende da fonti anonime ritenute vicine alla società, che chiariscono come Larry Page dovrà saltare gli impegni presi anche nei prossimi giorni. Ciò significa che mancherà anche all’incontro finanziario per la presentazione dei risultati fiscali relativi al secondo trimestre del 2012, e che non prenderà parte al Google I/O, attesissimo evento dedicato agli sviluppatori che prenderà il via mercoledì, durante il quale bigG annuncerà numerose novità.

Larry Page inoltre non carica aggiornamenti su Google+ da qualche settimana: dopo i post condivisi del mese di maggio, a giugno non c’è stato alcun nuovo post fino alla giornata di sabato, dove nella sua pagina ufficiale sono stati condivisi nuovi contenuti. Tutto ciò potrebbe confermare un problema di salute per il dirigente Google, che lascia in tensione appassionati e azionisti, tutti interessati a capire cosa stia realmente succedendo.

Con un messaggio di posta elettronica condiviso ai dipendenti di Mountain View, Larry Page avrebbe rassicurato tutti affermando che non ha nulla di serio. Nell’email si parla di una semplice e temporanea afonia, ma è chiaro come chi segue la società si aspetti qualche risposta in più. L’assenza di dettagli circa la natura del problema che causerebbe queste nuove assenze non fa altro che aumentare l’attenzione della stampa e degli appassionati: non resta dunque che attendere spiegazioni chiare e definitive al riguardo, ma un’eventuale assenza al Google I/O lascerebbe gli sviluppatori senza uno dei pilastri sui quali Google ha costruito il suo impero.

Notizie su: