QR code per la pagina originale

Facebook, ecco il follow per le azioni tramite app

Facebook ha appena deciso di lanciare il Follow per le azioni che eseguiamo sulle applicazioni: ecco cos'è e come funziona.

,

Facebook ha appena introdotto una nuova funzionalità Open Graph, il follow per le azioni, che consentirà agli iscritti di ottenere automaticamente gli aggiornamenti di un utente direttamente da una determinata applicazione di Facebook.

Una feature del genere permetterà, di conseguenza, di vedere alcune azioni o aggiornamenti di un contatto direttamente nel news feed della Facebook Timeline, senza però aggiungerlo tra gli amici; ad esempio, un utente può scegliere di ricevere una notifica quando un determinato iscritto pubblica tramite app una fotografia o, ancora, quando un critico cinematografico pubblica su un’applicazione dedicata una nuova recensione di un film. Tutti gli aggiornamenti di stato “classici” di quel contatto non verranno invece mostrati.

Facebook follow

Sarà un po’ come effettuare una sottoscrizione al feed di notizie di qualcuno, ma scegliendo con precisione ciò di cui si è davvero interessati a conoscere. Basterà registrarsi a un’applicazione Open Graph e decidere di seguire le azioni di una persona all’interno di quella stessa app. Tutte le volte la stessa pubblicherà qualcosa, quello specifico contenuto apparirà tra le notifiche, ma si sottolinea appunto che le notizie saranno mirate: non si leggeranno tutti gli aggiornamenti provenienienti da un contatto, ma solo quelli prodotti attraverso una determinata app. Una funzionalità del genere potrebbe essere utile per seguire i personaggi famosi delle applicazioni di maggior interesse su Open Graph come ad esempio Viddy e SocialCam, così da ricevere automaticamente aggiornamenti su nuovi video condivisi da un personaggio popolare e via dicendo.

Sarà interessante vedere come gli sviluppatori di applicazioni Facebook integreranno tale possibilità nei loro progetti e, chiaramente, per loro si profila una ghiotta possibilità all’orizzonte, dato che si prevede un maggior traffico d’utenza nelle loro app.

Notizie su: