QR code per la pagina originale

MobileMe al capolinea, migrazione forzata verso iCloud

MobileMe chiude definitivamente i battenti e forza gli utenti alla migrazione verso la nuova piattaforma iCloud.

,

MobileMe chiude definitivamente i battenti, come anticipato ormai da tempo dall’azienda di Cupertino. Il servizio lascia il posto a iCloud, sua naturale evoluzione introdotta lo scorso anno da Apple con il lancio del sistema operativo iOS 5 sui dispositivi mobile. Ciò nonostante, resteranno attivi ancora per qualche tempo Find My iPhone e iDisk, in modo da consentire agli utenti il download dei dati salvati online.

La storia di MobileMe ha inizio nell’ormai lontano 2000, quando la mela morsicata decise di lanciare il progetto iTools, insieme di strumenti basati sul Web, come una prima versione di iDisk e una casella email gratuita @mac.com. Nel 2002 la piattaforma venne rinominata .Mac e arricchita di alcune funzionalità, come un tool antivirus e spazio per il backup dei file, il tutto offerto con una spesa annua pari a 99 dollari.

Nel 2008 il servizio diventò MobileMe, in concomitanza con il lancio della versione 2.0 per il sistema operativo dedicato allo smartphone iPhone. L’esordio non fu dei più felici, con numerosi problemi di accesso e frequenti downtime. Una situazione che arrivò a suscitare le ire di Steve Jobs, tanto da portare allo scioglimento del team al lavoro sul progetto. L’avvento del cloud computing ha poi portato Apple a sperimentare con la gestione dei propri servizi da remoto, fino alla nascita di iCloud.

In concomitanza con la migrazione forzata alla nuova piattaforma, Apple sta spingendo anche per l’abbandono del sistema operativo Mac OS X 10.5 Leopard, offrendo un aggiornamento gratuito al successivo Snow Leopard, a cui si sono susseguiti più di recente Lion e Mountain Lion, quest’ultimo con un debutto previsto entro la fine del mese.

Notizie su: