QR code per la pagina originale

Samsung Galaxy S3, video sulle funzioni intelligenti

Samsung Galaxy S3 è in grado di fare tante cose: eccone alcune delle funzionalità intelligenti dello smartphone Android, spiegate con un video.

,

Samsung Galaxy S3 è uno smartphone che ha colpito tutti, anche coloro che finora avevano mostrato indifferenza e critiche nei confronti del panorama Android. Un dispositivo che grazie alle sue capacità che riflettono in pieno i concetti di smartphone e multitasking, ha già infranto qualsiasi record di vendite relativi ai terminali del robottino verde, e in generale della linea Galaxy. Samsung decide allora di ricordarci alcune di queste straordinarie funzionalità in un video, perfetta sintesi del concept Galaxy S3.

Il filmato inizia mostrando la caratteristica Smart Stay, che permette allo smartphone di mantenere il display acceso controllando tramite la fotocamera frontale che lo sguardo dell’utente sia rivolto nei suoi confronti. Espediente utile per chi sta guardando un filmato, o prendendo in prestito l’esempio mostrato da Samsung, suonando uno strumento con lo spartito elettronico aperto direttamente sullo smartphone.

Si passa quindi all’immancabile S Voice, il rivale diretto dell’assistente vocale Siri introdotto da Apple in iPhone 4S, che permette all’utente di ricevere informazioni basilari come le previsioni meteo, organizzare gli eventi agenda e controllare direttamente con la voce la riproduzione di file multimediali. Ad espandere ancora le funzioni intelligenti dello smartphone ecco Smart Alert e Direct Call.

Tramite la prima, Samsung Galaxy S3 emette una leggera vibrazione nel caso vi siano chiamate perse o messaggi ricevuti non appena l’utente lo prende in mano. Inoltre, spostando il terminale in prossimità dell’orecchio, da un SMS può essere fatta partire direttamente una chiamata nei confronti del destinatario, velocizzando così le comunicazioni con altre persone. Si chiude con il social tag, una funzionalità che “tagga” automaticamente le persone ritratte in una fotografia semplicemente riconoscendole grazie ai rispettivi account su piattaforma sociale, come Facebook.