QR code per la pagina originale

Un occhio alla TV e l’altro allo smartphone

La maggioranza degli utenti statunitensi usa il proprio smartphone mentre guarda un programma televisivo.

,

Gli spettatori statunitensi preferiscono guardare la TV mentre utilizzano il proprio smartphone. È questa la conclusione ottenuta da Pew Internet & American Life Project che, tra marzo e aprile di quest’anno, ha intervistato circa 2.250 persone con un’età superiore ai 18 anni. Il 52% dei possessori di un telefono cellulare usa il proprio dispositivo mobile per inviare messaggi o andare su Internet durante la visione di un programma.

Il sondaggio mette chiaramente in evidenza il comportamento “multitask” dei moderni telespettatori, soprattutto dei più giovani. L’uso di uno smartphone consente infatti di interagire in tempo reale sia con lo show tramesso in televisione sia con i propri amici, che in quel momento stanno guardando lo stesso programma.

Come era prevedibile, la maggioranza delle persone (38%) usa il cellulare durante le interruzioni pubblicitarie. Il 23% scambia SMS con amici che seguono il programma in un’altra locazione, il 22% controlla su Internet la correttezza delle notizie ascoltate in TV, il 20% accede al sito dello show televisivo, l’11% verifica online i giudizi rilasciati sulla trasmissione da altre persone e il 6% partecipa al voto durante un reality show.

Il 73% degli intervistati possiede uno smartphone, mentre il 23% un feature phone, dispositivi meno avanzati tecnicamente che permettono comunque di collegarsi a Internet. Per quanto riguarda il reddito familiare, oltre il 70% degli utenti guadagna più di 50.000 dollari all’anno, mentre il 73% dei telespettatori ha un’età compresa tra 18 e 24 anni. Proprio quest’ultimo è il dato che interessa maggiormente ai fornitori di contenuti e agli inserzionisti pubblicitari. Dato che i più giovani sono i principali utilizzatori di smartphone, le aziende sono sempre alla ricerca di una soluzione che possa convincerli a rimanere più tempo davanti alla TV. PayPal, ad esempio, lancerà in autunno una piattaforma interattiva che permetterà di acquistare i prodotti mostrati durante la pubblicità.

Notizie su: