QR code per la pagina originale

Kindle Fire, cinque o sei nuovi tablet da Amazon

Amazon potrebbe lanciare cinque o sei nuovi tablet della linea Kindle Fire per colpire tutte le fasce di mercato.

,

Amazon starebbe pianificando l’introduzione sul mercato non di un solo Kindle Fire ma di cinque o sei nuovi tablet, con l’obiettivo di entrare e competere in tutte le fasce di mercato. È quanto afferma Demos Parneros, presidente di Staples, un noto gruppo di compravendita digitale, il quale ha diramato qualche dettaglio su quelle che sarebbero le strategie future del gruppo di Jeff Bezos.

Il colosso vorrebbe dunque colpire il mercato delle tavolette digitali in ogni fascia, ovvero quella bassa, con un sostituto del Kindle Fire da 7 pollici, quella media e quella alta, lanciando peraltro almeno un dispositivo con display da 10 pollici che costituirebbe il diretto concorrente del nuovo iPad di Apple.

Amazon si è rifiutata di commentare tali indiscrezioni, ma è probabile che se ne saprà di più a riguardo presto: il 26 luglio terrà una conference call con gli investitori e non è da escludere che nel corso dell’incontro trapelino ulteriori informazioni circa i prodotti in arrivo, che presumibilmente (come avvenuto con il Kindle Fire) avranno un cuore Android.

Amazon potrebbe lanciare nuovi tablet non solo per sfidare la diretta concorrenza e trarre guadagno dalle vendite degli stessi, ma anche per aiutare l’azienda a spingere il mercato dei contenuti digitali, quali MP3, video, spettacoli televisivi, applicazioni e giochi che vende nel suo store virtuale. Le versioni con supporto fisico di questi contenuti erano molto popolari anni fa, ma per via del successo del mercato digitale sono ormai in declino. La compagnia di Jeff Bezos avrebbe dunque individuato nelle tavolette digitali il futuro del metodo di fruizione di tali contenuti.

Un canale di distribuzione software davvero molto ricco come quello di Amazon potrebbe aiutare l’azienda a diventare un player importante nel mondo mobile: Apple, Microsoft e Google tra tutti potrebbero essere quei competitor a risentire di più dell’eventuale espansione dell’offerta tablet del gruppo.