QR code per la pagina originale

Windows 8 non è adatto ai PC desktop, lo dice Gartner

Windows 8 non sarebbe adatto ai computer desktop: è l'opinione di Gartner, che stronca le scelte effettuate da Microsoft.

,

Nonostante la grande curiosità intorno a Windows 8, non tutti sono d’accordo sulle qualità del nuovo sistema operativo Microsoft. In attesa del suo arrivo sul mercato, Gartner ha criticato Windows 8, definendo la sua versione per desktop come “cattiva”. La piattaforma, infatti, sarà disponibile nella sua doppia veste per PC e tablet: una scelta precisa di Microsoft, che così facendo vuole spaziare su dispositivi di diverso tipo, cercando di coprire parte del mercato mobile, attualmente in mano ad Apple e Android.

Sebbene non ci sia dubbio sul fatto che Microsoft abbia investito molto nello sviluppo di Windows 8 per i tablet, anche se in ritardo rispetto ai suoi concorrenti, l’opinione di Gartner non è positiva. Come dichiarato da Gunnar Berger, infatti, Windows 8 rappresenterebbe un grande compromesso per l’utente finale consumer. In particolar modo, non sarebbe adatto alle imprese, rivolgendosi ai consumatori base e non ai dipartimenti IT. Quando poi si passa ad analizzare la versione desktop, l’opinione di Berger è dura: i menu sono di difficile accesso con mouse e tastiera, e il sistema non è adatto alla gestione dei PC in ambito aziendale. A questo punto bisognerà capire quali saranno le prospettive di Microsoft per il futuro del suo sistema operativo, e per farlo bisogna guardare alle previsioni sui mercati nei prossimi mesi.

Infatti, mentre il settore PC dovrebbe rimanere stabile nel 2012, con 87 milioni di spedizioni nel terzo trimestre, quello dei tablet dovrebbe aumentare del 70%, con una cifra vicina ai 107,4 milioni nel 2012. Pur non avendo una presenza attuale in quest’ultimo mercato, Windows 8 spera ugualmente di lasciare la sua impronta. E così, pur non riuscendo nell’immediato a contrastare Apple e Android, Windows 8 potrebbe far aumentare il volume d’affari complessivo dei tablet. Rimane però un problema riguardante gli utenti desktop, che saranno comunque più di quelli tablet.

Si tratta di un numero enorme di consumatori che potrebbero avere difficoltà ad usare il nuovo sistema operativo, sviluppato per adattarsi anche ai touchscreen. La conclusione di Gartner, quindi, è che Microsoft avrebbe fatto una mossa disperata per riuscire ad ottenere una presenza nel settore tablet, dove potrebbero giocarsi molti dei guadagni delle principali aziende informatiche.

Notizie su: