QR code per la pagina originale

Microsoft Surface, un rischio per i partner OEM

I due tablet Microsoft Surface, in caso di successo, potrebbero portare all'abbandono della piattaforma da parte degli altri produttori hardware.

,

Microsoft Surface, i due tablet con Windows 8 Pro e Windows RT presentati a fine giugno, hanno destato qualche perplessità tra i produttori, in particolare Acer, che non ha apprezzato molto l’ingresso nel settore dell’azienda di Redmond. Durante la recente Worldwide Partner Conference, Steve Ballmer aveva dichiarato che i due dispositivi rappresentano solo un riferimento, ma ora Microsoft ammette che il lancio dei Surface potrebbe essere “rischioso”.

Per la prima volta nella sua storia, Microsoft ha realizzato da sé un prodotto hardware destinato al mercato di massa. Finora aveva solo offerto periferiche come tastiere e mouse, ma entro fine anno sul Microsoft Store saranno messi in vendita i tablet Surface. È chiaro ormai che l’azienda vuole a tutti i costi ostacolare il dominio di Apple con il suo iPad, puntando anche al settore aziendale, dove è maggiormente richiesta la compatibilità con le attuali applicazioni, in particolare Office.

All’interno del documento presentato alla SEC, come richiesto dalle normative statunitensi, tra i fattori di rischio vengono citati proprio i due tablet Windows.

I nostri Surface entreranno in competizione con i prodotti realizzati dai nostri partner OEM e potranno avere effetti sul loro impegno verso la nostra piattaforma.

In sostanza, Microsoft sembra preoccupata delle possibili reazioni dei produttori che presenteranno i loro tablet Windows 8 (e Windows RT) entro fine anno. Se i Surface avranno successo, la quota di mercato dei partner potrebbe diminuire. Ciò spingerebbe le altre aziende ad abbandonare la piattaforma. Pur di contrastare Apple e incrementare i margini di profitto, controllando sia hardware che software, Microsoft è disposta a correre questo rischio.