QR code per la pagina originale

Chrome 21: webcam, microfono e Retina Display

Chrome 21 vede e sente, grazie al supporto nativo per webcam e microfono: nasce una nuova era per la comunicazione in tempo reale sul Web.

,

Chrome 21 (più precisamente 21.0.1180.60) è l’aggiornamento rilasciato oggi da Google per il suo browser. Si tratta di un update che, come annunciato sulle pagine del blog ufficiale, porta con sé alcune importanti novità e funzionalità inedite, tra le quali spicca il supporto all’utilizzo di webcam e microfono senza l’obbligo di installare plugin aggiuntivi. Per i possessori del nuovo MacBook Pro da 15 pollici, inoltre, è garantita la piena compatibilità con lo schermo in alta risoluzione Retina Display.

Partendo dalle possibilità di utilizzo delle periferiche, Chrome 21 è in grado di “vedere” e “ascoltare” l’utente nell’utilizzo delle applicazioni Web, grazie alle API HTML5 getUserMedia. Il colosso di Mountain View dichiara che la loro integrazione rappresenta soltanto il primo passo di un percorso d’evoluzione che prossimamente interesserà la navigazione, fino a portare alla nascita del cosidetto WebRTC, definito “un nuovo standard che consentirà di comunicare in tempo reale inviando audio e video in alta definizione su Internet”.

Per una prima dimostrazione delle potenzialità di questo progetto è possibile fare affidamento a Sketchbots, presentato nelle scorse settimane con la mostra interattiva Web Lab. In sintesi, si tratta di un sistema che fotografa il volto dell’utente, ne effettua il rendering, lo converte in digitale e lo invia a un robot nel Museo della Scienza di Londra che si occupa di disegnarlo sulla sabbia. L’utente potrà poi caricare il filmato dell’operazione su YouTube.

Come citato in apertura, la release 21 di Chrome supporto appieno la visualizzazione ottimizzata dei contenuti sui Retina Display del nuovo Apple MacBook Pro: un accorgimento necessario per tentare di guardagnare ulteriori quote di mercato in ambito browser. Migliorata anche la compatibilità con la tecnologia Google Cloud Print e risolte alcune vulnerabilità per incrementare il livello di sicurezza durante la navigazione.

Notizie su: