QR code per la pagina originale

Street View, Google non ha cancellato tutti i dati

Google ha "dimenticato" di eliminare dai suoi hard disk tutte le informazioni riservate raccolte dalle auto di Street View.

,

Google non ha eliminato dai suoi archivi tutti dati privati raccolti durante il passaggio delle auto di Street View sulle strade francesi, nonostante l’azienda avesse promesso all’autorità per la protezione della privacy di cancellare ogni informazione registrata per errore. Google ha inviato una lettera alla Francia per scusarsi dell’inconveniente.

Nel mese di marzo 2011, la CNIL (Commission Nationale de l’Informatique et des Libertes) aveva inflitto a Google una multa di 120.000 dollari (100.000 euro) per aver collezionato email private, password ed altri dati riservati mediante la rete WiFi utilizzata dalle auto che scattano immagini delle strade per la funzionalità Street View di Google Maps. Evidentemente qualche dipendente dell’azienda di Mountain View deve essere molto distratto perché sugli hard disk sarebbero ancora conservati dati che Google aveva promesso di cancellare.

Questo è il contenuto della lettera ricevuta dall’autority francese:

Google ha recentemente confermato che ha ancora in suo possesso una porzione di dati raccolti dai veicoli di Street View. Google si scusa per questo errore. Google ora cancellerà i dati rimanenti.

Non è la prima volta che Google “dimentica” di applicare le decisioni delle varie autorità mondiali che difendono la privacy degli utenti. Come in Francia, anche l’Information Commissioner’s Office del Regno Unito ha avviato una nuova investigazione per verificare la natura dei dati non ancora eliminati dai suoi server. Per lo stesso motivo, nel mese di aprile la Federal Communications Commission degli Stati Uniti ha chiesto il pagamento di una multa pari a 25.000 dollari. Ovviamente, per un colosso come Google, la cattiva reputazione provoca più danni di una ammenda di 145.000 dollari. Queste nuove indagini potrebbero però concludersi con una pena molto più severa.

Fonte: The New York Times • Notizie su: