QR code per la pagina originale

iCloud, una telefonata per bucare un account

L'account iCloud di un giornalista di Wired è stato hackerato mediante una semplice telefonata all'AppleCare. Nuove ombre sulla sicurezza per Cupertino.

,

Il fine settimana appena trascorso è stato particolarmente caldo per Mat Honan, giornalista di Wired che nei giorni scorsi ha segnalato l’improvvisa rimozione di qualsiasi contenuto dai propri dispositivi targati Apple. L’iPhone, l’iPad ed il MacBook Air in suo possesso, infatti, sono stati improvvisamente resettati mediante iCloud, grazie ad un accesso non autorizzato effettuato da un non meglio identificato aggressore. La causa di quanto accaduto, secondo la ricostruzione, sarebbe fortemente legata ad Apple.

Honan, allarmato per quanto accaduto, ha cercato di seguire le tracce dell’aggressore, il quale ha provveduto dopo poco a contattare il giornalista sottolineando come sia riuscito ad ottenere la password del relativo account iCloud senza alcuna operazione di brute force o altre strategie. Più semplicemente, gli è bastato contattare il supporto telefonico di Apple: in maniera piuttosto astuta è riuscito a spacciarsi per Mat Honan, ottenendo il via libera verso il reset della password di iCloud dell’account del giornalista.

Quest’ultimo, insomma, ha perso ogni dato a bordo dei suoi dispositivi a causa di alcuni impiegati della mela morsicata poco attenti alla sicurezza, raggirati dall’aggressore, il quale è riuscito inoltre ad accedere ad un account di posta elettronica Gmail, all’account Twitter personale ed anche all’account Twitter di Gizmodo, testata giornalistica per la quale Honan ha lavorato in passato. Il tutto, semplicemente identificandosi al telefono come Mat Honan, senza che gli addetti del gruppo di Cupertino cercassero ulteriori verifiche circa la bontà di quanto sostenuto dall’aggressore.

L’accaduto getta dunque nuove ombre sulla sicurezza in casa Apple, da cui fino ad ora non è giunto alcun commento circa quanto successo allo sventurato giornalista di Wired. Il MacBook di quest’ultimo è attualmente in mano agli addetti dell’AppleCare, fiduciosi che il contenuto cancellato possa essere in qualche modo recuperato. Ciononostante, è ancora forte il sospetto che in quel di Cupertino sia necessaria maggiore attenzione nei confronti della sicurezza.

Fonte: Emptyage • Via: MacRumors • Notizie su: