QR code per la pagina originale

Samsung accusa Apple di aver falsificato le prove

Secondo Samsung, Apple avrebbe falsificato le immagini dell'Epic Touch 4G per renderlo più simile a iPhone: i giudici, però, rigettano questa accusa.

,

Il processo tra Apple e Samsung sta iniziando a entrare nel vivo nonostante manchino ancora molte udienze prima di giungere al termine. Durante l’ultimo appello, il gruppo sudcoreano ha presentato un’accusa molto grave nei confronti di Cupertino: la Mela avrebbe ritoccato alcune prove, nello specifico quelle relative all’Epic Touch 4G.

Secondo Samsung, Apple avrebbe ritoccato le immagini dell’Epic Touch 4G presentate dinnanzi la Corte per far sembrare questo dispositivo Android più simile a iPhone. Cupertino ha presentato delle immagini che raffigurano lo smartphone con un layout della homescreen davvero molto simile a quello del telefono con la mela morsicata, ma appunto Samsung crede che in realtà il design non sia originale e che, anzi, la Mela abbia volutamente modificato la fotografia per mettere in cattiva luce il colosso rivale.

Il giudice Koh, che si sta occupando della vicenda, ha però respinto qualsiasi tipo di accusa, affermando che quanto chiesto da Samsung manchi di credibilità. A suo parere, infatti, l’immagine presentata dall’azienda coreana è priva di una serie di feature che caratterizzano il sistema operativo Android, come ad esempio il widget di ricerca Google. Koh ha infatti chiesto direttamente a Samsung «perché la homescreen non mostra la finestra di ricerca di Google, quando più volte avete affermato che lo smartphone presenta tale funzionalità?». Inoltre, l’immagine presentata dai legali Samsung riportava la data del giorno precedente (lunedì), mentre gli avvocati sostenevano che fosse stata scattata nella giornata di domenica. Questa è una particolare contraddizione.

Il giudice Koh è stato abbastanza chiaro sul caso e ha sottolineato come «non tollererà più una situazione del genere». Il processo continuerà ancora a lungo, dunque è probabile che nei prossimi giorni – o meglio, settimane – si scopriranno altri curiosi particolari circa questa battaglia legale.