QR code per la pagina originale

Nexus 7, overclock estremo per benchmark da record

Nexus 7 strapazza qualsiasi dispositivo Android sul mercato: basta un overclock per raggiungere risultati record nei benchmark.

,

Nexus 7, il tablet low-cost realizzato da Google in collaborazione con ASUS, è disponibile da qualche settimana negli Stati Uniti e a settembre arriverà anche in Italia. Naturalmente gli appassionati d’oltreoceano hanno già provato a mettere a dura prova le capacità tecniche del dispositivo che monta un processore quad core NVIDIA Tegra 3, il massimo per la categoria. Il risultato raggiunto dalla community di XDA Developers ha però dell’eccezionale: con un overclock la CPU a 1,64 GHz (1,2 GHz la frequenza standard), ottenendo risultati incredibili nei benchmark.

Grazie a questa modifica, il Nexus 7 diventa il dispositivo Android più veloce sul mercato. Neanche ASUS Transformer Pad Infinity o HTC One X riescono a replicare le prestazioni del tablet con questa configurazione. Il risultato del test Quadrant restituisce un punteggio superiore a 7.000, qualcosa di mai visto prima per un device in commercio, eguagliato soltanto dal chip quad core Snapdragon S4 Pro, che però arriverà sul mercato soltanto tra qualche mese.

La ragione principale per cui i produttori preferiscono limitare le capacità della CPU, che come si è scoperto sarebbe capace di offrire molto di più rispetto quanto permesso attualmente, consiste in una semplice scelta di ottimizzazione, senza la quale l’autonomia dei dispositivi sarebbe evidentemente compromessa. Prima che il device arrivi nei negozi, le aziende devono naturalmente sincerarsi che l’autonomia sia quantomeno efficiente.

Per quanto riguarda il Nexus 7 overclockato il discorso non cambia: effettivamente con questa configurazione il consumo di batteria cresce notevolmente, ma il tool ideato dagli sviluppatori permette di cambiare frequenza in qualsiasi momento, così da adattarla all’uso che si sta facendo in quel momento del dispositivo.

Notizie su: