QR code per la pagina originale

Due milioni di iPhone 5 prenotati in 24 ore

In appena 24 ore l'iPhone 5 è stato prenotato per 2 milioni di unità: l'esordio sul mercato avverrà il 21 settembre negli USA ed il 28 settembre in Italia.

,

La comunicazione giunge direttamente da Apple tramite comunicato ufficiale: nelle prime 24 ore di prenotazione, sono stati 2 milioni gli iPhone 5 che l’utenza ha già richiesto al gruppo di Cupertino. Trattasi di un ritmo di prenotazione doppio rispetto a quanto registrato con l’iPhone 4S, delineando così per il nuovo smartphone un esordio senza precedenti.

La richiesta per iPhone 5 supera la fornitura iniziale e, sebbene la maggior parte dei preordini verrà consegnata il 21 settembre, molti verranno consegnati ad ottobre.

Mentre i primi benchmark e le prime informazioni sulla confezione vengono a galla, insomma, il mercato inizia a delineare le proprie prime sentenze: l’interesse è alto ed il ritmo febbrile delle prenotazioni prelude ad una partenza lanciata senza eguali.

Coloro i quali hanno avuto immediatamente accesso alla prenotazione potranno ritirare il proprio smartphone fin dal 21 settembre, giorno d’esordio negli USA, mentre coloro i quali hanno atteso poche ore già dovranno mettersi in coda una settimana più tardi a causa della mancanza di adeguate forniture. Philip Shiller, responsabile Apple worldwide Marketing, spiega che il gruppo sta vivendo un momento “fenomenale” e non lesina complimenti al nuovo progetto:

iPhone 5 è il migliore iPhone di sempre, il prodotto più bello che abbiamo mai creato, e speriamo che i clienti lo amino come noi lo amiamo.

Negli Stati Uniti l’esordio dell’iPhone 5 avverrà in 356 punti vendita a partire dalle 8 del mattino o tramite l’Apple Store online con possibilità di ricezione del device presso la propria abitazione senza spese di spedizione. Ogni singolo utente ha la possibilità di prenotare non più di due unità.

In Italia l’iPhone 5 arriverà a partire dal 28 settembre ed al momento le prenotazioni non hanno ancora preso il via: sulla scia di quanto va accadendo negli Stati Uniti, però, l’effetto traino si farà giocoforza sentire anche in Europa, ove occorre attendersi pertanto un esordio ad alti livelli fin dalle prime ore.

Fonte: Apple • Notizie su: