QR code per la pagina originale

Galaxy Nexus 2 o Galaxy Premier, primi rumor

Samsung Galaxy Nexus 2, o Galaxy Premier, potrebbe essere il prossimo smartphone a marchio Google: ecco le prime indiscrezioni.

,

Samsung Galaxy Nexus 2 o Galaxy Premier: potrebbe essere uno di questi il nome del prossimo smartphone Android marchiato Google, stando ad alcune indiscrezioni giunte in Rete nel fine settimana. La redazione del sito PocketNow ha infatti pubblicato una serie di dati riguardanti un presunto GT-i9260 (il modello attuale è identificato come GT-I9250), svelando alcune delle specifiche tecniche integrate.

Il prossimo “Google Phone” avrebbe un display 1280×720 pixel, una risoluzione del tutto identica a quella già vista sul Galaxy Nexus in commercio dall’autunno scorso, mentre per quanto riguarda la diagonale non ci sono riferimenti. Alla voce CPU è invece riportata la sigla “ARM11”, anche se probabilmente si tratta di una svista: questo tipo di processore è lo stesso integrato in modello molto datati come HTC Dream (2008). Più probabile un ARM Cortex-A11, evoluzione del chip dual core da 1,2 GHz odierno, di cui al momento non ci sono però conferme ufficiali.

Samsung Galaxy Nexus 2 (GT-i9260)

Anche sul nome c’è parecchia confusione. Samsung potrebbe non gradire la scelta di chiamare un suo dispositivo “Nexus 2” o “Nexus Two”, visto che il Nexus One è stato commercializzato da un altro produttore (HTC) nel 2010. Possibile dunque un cambio, Galaxy Premier appunto, ma a questo punto prende corpo l’ipotesi che lo smartphone non abbia nulla a che fare con Google, considerato come il colosso di Mountain View abbia dimostrato recentemente di voler puntare e investire molto sul marchio Nexus.

Trattandosi di indiscrezioni non confermate, ovviamente il tutto va preso con le dovute cautele. Non è nemmeno da escludere che bigG possa scegliere quest’anno di affidarsi a un partner diverso: in lizza Sony, LG e Motorola, quest’ultimo favorito a causa dell’acquisizione multimiliardaria portata a termine proprio da Google, che consentirebbe all’azienda di sviluppare l’hardware e il design del telefono senza dover dipendere da team esterni.

Notizie su: