QR code per la pagina originale

Microsoft aggiunge il cestino a SkyDrive

La nuova funzione Cestino di SkyDrive permette di recuperare i file cancellati e di ripristinarli nelle loro posizioni originali.

,

Microsoft ha introdotto una nuova funzionalità per il suo servizio di cloud storage. Come i sistemi operativi Windows, ora anche SkyDrive ha il suo Cestino, una feature richiesta in particolar modo dagli studenti che cercavano un modo veloce per recuperare file cancellati accidentalmente da qualcun altro durante un progetto di gruppo. Nei prossimi giorni verrà aggiunta anche possibilità di creare sondaggi online con la Excel Web App.

Attualmente SkyDrive conserva automaticamente le versioni precedenti dei documenti Office. Microsoft ha voluto comunque sviluppare una funzionalità per fornire agli utenti un Cestino da cui recuperare i file cancellati, ad esempio, durante un lavoro di gruppo. Il link corrispondente è stato posizionato nella parte inferiore sinistra dell’interfaccia, sopra la voce Gestisci archiviazione.

Prima del rilascio della nuova feature, nel momento in cui veniva eliminato un file, SkyDrive mostrava un warning per indicare la cancellazione permanente. Ora invece viene visualizzato un box di dialogo con il pulsante Annulla per ripristinare il file. Se invece il file è già nel Cestino, è sufficiente aprire la cartella relativa e selezionare i documenti o le foto per riportarli nelle loro posizioni originali. Gli oggetti presenti nel Cestino non concorrono al raggiungimento del limite di storage e sono conservati per almeno tre giorni. Il contenuto più vecchio verrà eliminato se supera del 10% lo spazio totale e dopo 30 giorni di giacenza.

Oltre al Cestino per SkyDrive, Microsoft rilascerà prossimamente la funzionalità Excel Survey. Nel menu Crea comparirà la voce corrispondente che attiverà la procedura guidata per la creazione di un sondaggio con domande e risposte. Al termine sarà possibile condividere il sondaggio e analizzare i risultati con la Excel Web App o con le versioni desktop per Windows e Mac.

Fonte: Windows Team Blog • Notizie su: