QR code per la pagina originale

Kodak spinge sulle foto da smartphone e tablet

Kodak cerca di riprendersi dalla crisi economica puntando tutto sulla fotografia da smartphone e tablet.

,

Kodak sta attraversando un periodo di grave difficoltà economica ma sta cercando di rilanciarsi in ogni modo, puntando su quei segmenti di mercato dalle maggiori potenzialità. Durante il Photokina 2012, che si è appena concluso a Colonia (Germania), la storica azienda ha presentato le proprie novità: ha deciso di puntare sulla fotografia da smartphone e tablet, nonché su una nuova versione di Create@Home.

Negli ultimi tempi i consumatori hanno dimostrato con forza di amare la fotografia e la condivisione dei propri ricordi, soprattutto tramite smartphone e tablet, oggi un mercato fondamentale in cui sempre più produttori stanno approdando per sfruttare questa tendenza. Anche Kodak dunque si adegua presentando un ampio ventaglio di soluzioni.

Si parte da Create@Home, un software gratuito scaricabile in italiano che consente, anche a chi non ha alcuna esperienza con la fotografia, di realizzare album fotografici in pochissimi passaggi, tramite un’interfaccia assolutamente user-friendly. Non manca l’integrazione a Facebook: l’utente potrà importare gli album caricati sul social network più popolare al mondo, che verranno organizzati in automatico ma con diversi stili (template). Questi album verranno poi trasformati in pacchetti di file che il cliente potrà successivamente stampare.

Al Photokina 2012, Kodak ha poi presentato My Kodak Moments, un’applicazione mobile dedicata ai sistemi con cuore iOS e Android. Consente di creare album fotografici direttamente da smartphone o tablet utilizzando un’interfaccia touch. Anche in questo caso sarà poi possibile stampare i propri album in un punto vendita Kodak. L’obiettivo di Kodak è non solo quello di espandere la propria rete di stampa su tutto il territorio, ma anche quello di sfruttare la tendenza del momento: del resto, oggi i consumatori preferiscono scattare foto da dispositivi mobile piuttosto che da fotocamere compatte. E l’azienda lo sa bene.

Notizie su: ,