QR code per la pagina originale

YouTube traduce i video in oltre 300 lingue

YouTube lancia un nuovo strumento che consente di richiedere la traduzione di un video in oltre 300 lingue: ecco come funziona e come usarlo.

,

YouTube sta cercando di aiutare i videomaker ad aumentare il proprio pubblico globale e, in quest’ottica, ha appena introdotto nella propria piattaforma un nuovo strumento utile ad effettuare le traduzioni dei video in maniera del tutto automatica, semplice e veloce.

Attraverso un aggiornamento condiviso sul blog, Jeff Chin e Brad Ellis, product manager presso YouTube, hanno spiegato che «aumentare il pubblico globale su YouTube significa avere video che possano raggiungere molte persone che parlano molte lingue». Da oggi, chi carica un video potrà tradurlo in più di 300 lingue diverse e aggiungere i sottotitoli direttamente sul filmato stesso: il nuovo strumento è presente in Video Manager e si appoggia su Google Translate, il servizio di traduzione sviluppato da Mountain View.

Se dunque si è un vlogger casuale o un videomaker professionista con l’ambizione di raggiungere un pubblico più ampio, si potranno aggiungere o richiedere didascalie tradotte per i propri filmati in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo; spiega YouTube che «fornendo didascalie tradotte, non solo potrai rendere il tuo video accessibile a livello globale, ma anche migliorarne la reperibilità in altre lingue».

YouTube Manager

La pagina YouTube Manager per ottenere la traduzione di un video. (immagine: YouTube).

Secondo il team controllato da Google, la piattaforma di video sharing più popolare al mondo viene visitata da oltre 800 milioni di utenti unici al mese, e il 70% di tale utenza vive al di fuori degli Stati Uniti e in 43 paesi diversi. Fruire del nuovo servizio è davvero semplice: basta accedere alla pagina Video Manager e successivamente selezionare “Richiesta di traduzione” nella gestione dei video di YouTube, scegliere le lingue che interessano e cliccare su “Avanti”. In questo modo, la traduzione avverrà in maniera automatica, ma è comunque possibile effettuarla anche manualmente.

Fonte: YouTube • Via: Engadget • Notizie su: ,