QR code per la pagina originale

Google mostra i trailer dei film nelle ricerche

Nella pagina dei risultati su Google viene ora visualizzato un pulsante per la riproduzione del trailer su YouTube.

,

Con un post pubblicato su Google Plus, l’azienda di Mountain View ha annunciato una nuova funzionalità che permette agli utenti di visualizzare i trailer dei film direttamente nei risultati delle ricerche. Cercando gli orari degli spettacoli su Google.com (in inglese), verrà mostrato un box con le informazioni principali e un pulsante “Trailer” per ogni film elencato. Un click su questo pulsante attiva la riproduzione mediante YouTube.

La nuova feature integrata nel motore di ricerca completa dunque le informazioni finora disponibili. Quando l’utente cerca i film in programmazione nelle sale cinematografiche di una determinata città, viene visualizzato un box nella parte superiore delle SERP che include l’elenco dei film con la durata, il genere e, appunto, il pulsante “Trailer“. Il pulsante non compare invece nel “grafo delle conoscenze” (il box a destra della pagina con i dettagli relativi al termine cercato), se viene cercato direttamente un film.

Questo un quadro esemplificativo delle risposte all’interno delle SERP del motore:

Google Search Movie Trailer

Pulsante per la riproduzione del trailer dei film

Cliccando su “Trailer” viene aperta un finestra sovrapposta alla pagina dei risultati (che rimane in background), in cui viene riprodotto automaticamente il trailer presente su YouTube. Il design dell’interfaccia utilizzato da Google è simile a quello scelto per le foto su Google Plus. Ciò potrebbe significare un possibile arrivo della funzionalità anche sul social network. Nella parte inferiore del video sono visualizzate alcune informazioni sul film: nomi degli attori, nome del regista e un breve riassunto della trama. In alto a destra invece è presente il pulsante “+1” per la condivisione su Google Plus.

I trailer provengono dall’account Google movie trailers (è necessario conoscere l’URL perché i video non sono elencati). Le case di produzione e distribuzione cinematografiche potrebbero quindi contestare questa scelta, in quanto limiterà sicuramente il numero di visite ai propri canali, pur favorendo comunque al contempo la promozione delle pellicole direttamente sul motore più utilizzato al mondo.

Fonte: Google Plus • Notizie su: