QR code per la pagina originale

Android ICS, Motorola non mantiene la promessa

Motorola aggiorna la roadmap per Android 4.0 Ice Cream Sandwich ed esclude tre smartphone: Atrix 4G, Photon 4G e Electrify.

,

Il Motorola Atrix 4G, uno degli smartphone più apprezzati dei mesi passati negli Stati Uniti, non riceverà l’aggiornamento ad Android 4.0 Ice Cream Sandwich. Il produttore ha pubblicato sul forum ufficiale una nuova tabella che elenca i dispositivi per i quali verrà rilasciata la release 4.0.4 del sistema operativo. Motorola dunque non manterrà le promesse fatte a metà febbraio quando ha svelato i piani per l’update.

Il Motorola Atrix 4G, annunciato all’inizio del 2011, era uno dei pochi smartphone per i quali il produttore statunitense aveva confermato l’aggiornamento alla versione ICS di Android. Circa 8 mesi fa, Motorola aveva garantito l’arrivo dell’update nel corso del terzo trimestre 2012 per l’Atrix 4G, così come per il Photon 4G, mentre per l’Electrify era in corso una valutazione. Ora i possessori di questi tre smartphone non potranno installare Ice Cream Sandwich, ma dovranno accontentarsi di Android 2.3 Gingerbread.

Motorola non ha spiegato le motivazioni di questa scelta, anche se si possono escludere problemi tecnici, in quanto i modelli eliminati dalla roadmap sono prodotti di fascia alta con processore NVIDIA Tegra 2, 1 GB di RAM e 16 GB di memoria interna. Solitamente i produttori abbandonano il supporto per gli smartphone entry level. Gli utenti inoltre credevano che Motorola rispettasse le indicazioni di Google (proprietario tra altro dell’azienda di Libertyville), in base alle quali i dispositivi Android devono ricevere aggiornamenti fino a 18 mesi dopo l’arrivo sul mercato.

Un utente ha scritto un commento alla news di Ars Technica che dimostra il comportamento scorretto di Motorola nei confronti dei suoi clienti. Dopo aver annunciato l’update ad Android 4.0 per il terzo trimestre, ha rilasciato un aggiornamento per l’Atrix 4G e il Photon 4G che blocca il bootloader, rendendo quasi impossibile l’installazione di una ROM custom. Come parziale consolazione, i possessori di smartphone che non riceveranno Ice Cream Sandiwich dovrebbero almeno ottenere un credito di 100 dollari.

Fonte: ArsTechnica • Notizie su: