QR code per la pagina originale

All’asta i mini .org

Il Public Interest Registry metterà all'asta 94 nomi di dominio composti da uno o due caratteri destinati ad organizzazioni non-profit.

,

Public Interest Registry (PIR), l’organizzazione che gestisce i domini destinati alle aziende non-profit, ha annunciato l’avvio del Project94. Il PIR, in collaborazione con i registrar Go Daddy ed eNom, metterà all’asta 94 nomi di dominio non registrati .org formati da uno o due caratteri. I proventi ottenuti dalla vendita verranno utilizzati per favorire lo sviluppo aperto e la sicurezza di Internet, in particolare nelle regioni tecnologicamente svantaggiate del mondo, e dedicati ai programmi che consentono alle organizzazioni non commerciali di migliorare la loro presenza online.

La data di avvio dell’asta non è stata ancora stabilita, ma Brian Cute, CEO del Public Interest Registry, è sicuro del successo del progetto, in quanto i nomi di dominio così corti sono molto richiesti. Quando nel 1985 sono stati attivati i domini .org, erano in vigore alcune raccomandazioni in base alle quali doveva essere istituito un registro composto da un numero selezionato di nomi. Ora queste norme non sono più valide, per cui il PIR ha deciso di rilasciare 94 domini al miglior offerente.

Le aziende che desiderano partecipare all’asta dovranno però ottenere un’approvazione preventiva. Le organizzazioni dovranno rispettare il valore del dominio .org e presentare un piano che illustri le strategie di marketing e di branding. Ma qual’è potrebbe essere il valore di questi domini? Secondo PRI, nomi di dominio come 1.org, 2.org o a.org rappresentano un’ottima opportunità di business, considerata la loro facilità di memorizzazione da parte degli utenti che visiteranno il sito.

Altri nomi invece possono essere utilizzati per creare portali che trattano argomenti specifici. Molto appetibili sono in questo senso i nomi b.org e z.org. Il primo ricorda i cyborg di Star Trek, mentre il secondo un personaggio del film “Il quinto elemento” interpretato da Bruce Willis. La lista completa dei domini disponibili è consultabile sul sito Project94.

Fonte: Project94 • Via: CNET • Notizie su: