QR code per la pagina originale

Apple “ruba” un importante ingegnere a Samsung

Apple avrebbe assunto Jim Mergard, ex ingegnere di punta AMD e Samsung e molto noto tra gli esperti di chip e semiconduttori.

,

Apple avrebbe assunto Jim Mergard, un ex ingegnere Samsung considerato un vero e proprio guru dei semiconduttori, ed è probabile che sarà proprio lui il nuovo capo della divisione che si occuperà di creare le nuove CPU per i Mac e per i dispositivi mobile con cuore iOS.

La notizia è stata riportata dal Wall Street Journal, che sottolinea l’importanza dell’assunzione effettuata da Tim Cook dato che il nome di Jim Mergard è molto noto ed importante tra gli esperti di CPU e di semiconduttori. In passato aveva ricoperto un ruolo di grande spessore in AMD: come spiegato dal WSJ, «è noto per aver giocato un ruolo fondamentale nello sviluppo di un chip AMD di alto profilo conosciuto col nome in codice di Brazos, progettato per i computer portatili entry level». Successivamente era passato a Samsung, dove è però rimasto solamente qualche mese.

Non è comunque chiaro se Mergard lavorerà direttamente al quartier generale di Cupertino oppure se resterà ad Austin, dove ha lavorato sia per AMD che per Samsung. Apple infatti ha da tempo un centro nella capitale texana e lì risiedono anche gli uffici della startup Intrinsity, che è specializzata nella costruzione dei chip e che Apple ha acquisito nell’aprile del 2010. Un passaggio di consegne comunque significativo poiché coinvolge due gruppi in guerra e tra i quali ogni passaggio può denotare un trasferimento di esperienze e nozionistica.

Mergard ha una notevole esperienza sia nei chip dedicati ai PC che nei system-on-a-chip, ovvero le soluzioni che la Mela ha adottato in iPhone, iPad e iPod Touch. Curioso il fatto che, fino ad ora, Samsung abbia prodotto i chip Apple Ax per i device iOS e che il proprio ingegnere di punta per questo comparto sia passato al diretto rivale, segno di come Cupertino sia seriamente intenzionata a progettare solo internamente chip di qualità per i propri prodotti con la mela morsicata. Le conseguenze non saranno probabilmente immediate, ma il futuro appare oggi più chiaro.

Fonte: Wall Street Journal • Via: Cnet • Notizie su: