QR code per la pagina originale

Firefox 16, il ritorno

Mozilla rilascia una versione riveduta e corretta di Firefox 16, dopo aver scoperto una grave vulnerabilità nella versione pubblicata nei giorni scorsi.

,

Firefox 16 torna disponibile per il download, dopo che Mozilla ha in tutta fretta corretto il grave bug scovato mercoledì. A inizio settimana era infatti stata pubblicata una prima versione dell’aggiornamento, eliminata in tutta fretta dalla software house dopo aver scoperto che una vulnerabilità avrebbe consentito a qualsiasi sito Web di sbirciare nella cronologia dell’utente.

La nuova release (16.0.1) può dunque essere scaricata sia da coloro che avevano effettuato il download del pacchetto “corrotto” che da chi è ancora fermo a Firefox 15. Non è la prima volta che il team di sviluppo si trova nella situazione di dover tornare sui propri passi dopo aver rilasciato un update di Firefox. Era già successo nel dicembre 2011 con la versione 9, per ragioni del tutto simili. Anche la versione Android del browser è stata corretta, con il nuovo APK pubblicato sulle pagine dello store Google Play la notte scorsa. Nell’occasione, Mozilla ha fornito qualche dettaglio aggiuntivo sul problema riscontrato.

Il nostro ricercatore “moz_bug_r_a4” ha individuato un problema legato all’attributo defaultValue(). Questo può consentire un utilizzo improprio dell’oggetto Location.

Il consiglio dunque è quello di procedere in tutta fretta al download e all’installazione del nuovo pacchetto, disponibile sia per computer Windows che per sistemi Mac. Sono tante le novità introdotte da Firefox 16, messe in ombra dal problema ma già segnalate su queste pagine nei giorni scorsi: dalla Developer Toolbar per gli sviluppatori (spiegata nel dettaglio con il filmato in streaming di seguito) alla garbage collection incrementale per incrementare le prestazioni, passando per il supporto alle Web app, un miglioramento nella gestione delle animazioni CSS3 e l’integrazione dello screen reader VoiceOver, quest’ultimo solo su OS X.

Fonte: ComputerWorld • Via: CNET • Notizie su: ,