QR code per la pagina originale

Microsoft porta Windows Azure su iOS

Microsoft continua a lavorare ad Azure for Mobile Services. L'ultima novità è l'integrazione con iOS. Presto in arrivo anche Android e Windows Phone.

,

Azure for Mobile Services è ancora in fase di sviluppo, con un’anteprima fornita da Microsoft agli utenti interessati allo sviluppo di applicazioni dedicate al mobile fortemente integrate con i servizi di cloud storage dell’azienda. Nel corso dell’ultimo aggiornamento, il team di Redmond ha introdotto alcune interessanti novità, tra le quali la possibilità di creare servizi per applicazioni dedicate ad iPhone ed iPad in pochi click.

Grazie ad Azure Mobile Services, dunque, sarà presto possibile archiviare dati strutturati presso i server di Microsoft, inserire strumenti di login ed inviare notifiche ai dispositivi degli utenti sfruttando gli strumenti messi a disposizione da iOS. Altrettanto potrà esser fatto entro breve anche per Windows Phone e Android, completando così un trittico di piattaforme mobile in grado di coprire la quasi totalità del mercato odierno per quanto concerne smartphone e tablet.

Le novità, tuttavia, non terminano qui ma includono anche la possibilità di far autenticare gli utenti sfruttando i relativi account Facebook, Twitter e Google, l’integrazione di nuovi strumenti per la gestione di posta elettronica e messaggistica istantanea via SMS, e la possibilità di utilizzare Azure Blob, Table, Queue e Service Bus direttamente dai dispositivi mobile. Il tutto, sfruttando una serie di servizi messi a disposizione da Microsoft e facilmente utilizzabili dagli sviluppatori che intendono arricchire ulteriormente i propri prodotti software.

L’update in questione, rilasciato nella giornata di ieri dal team di Redmond, è già utilizzabile dagli utenti che desiderino sfruttare sin da subito tali opportunità, toccando con mano quanto offerto dall’azienda statunitense. Maggiori novità sono attese in vista della release finale, la quale come detto abbraccerà anche altre piattaforme mobili.

Fonte: Microsoft • Notizie su: