QR code per la pagina originale

Nokia, in calo fisiologico le vendite dei Lumia

Il numero dei Nokia Lumia venduti è diminuito, ma le perdite operative sono inferiori rispetto al trimestre precedente.

,

Bilancio in rosso anche nel terzo trimestre fiscale per Nokia. I risultati finanziari annunciati questa mattina confermano il periodo negativo per il produttore finlandese, ma fortunatamente il trend appare in controtendenza rispetto ai trimestri precedenti. Nokia ha comunicato perdite operative per 576 milioni di euro, un valore inferiore rispetto ai -826 milioni del secondo trimestre. Le vendite degli smartphone Lumia sono diminuite del 28% circa, scendendo da 4 milioni di unità del secondo trimestre agli attuali 2,9 milioni.

Il fatturato totale ammonta a 7,2 miliardi di euro, il 4% in meno rispetto al secondo trimestre e il 19% in meno rispetto all’anno precedente. Una buona parte delle perdite deriva sia dalla riduzione dei prezzi che dal calo delle vendite degli smartphone Lumia basati su Windows Phone 7.5. Il prezzo medio dei terminali è diminuito in un trimestre da 186 euro a 160 euro. Nello stesso periodo sono stati venduti 2,9 milioni di pezzi, un dato per certi versi atteso considerato il lancio dei nuovi Lumia con Windows Phone 8. Dopo aver appreso la notizia che i vecchi modelli non verranno aggiornati, gli utenti attendono infatti  l’arrivo nei negozi dei Lumia 920 e 820.

Complessivamente Nokia ha venduto quasi 83 milioni di dispositivi mobile, di cui solo 6,3 milioni sono smartphone (-38%), mentre i restanti 76,6 milioni sono cellulari meno evoluti (+4%). Negli Stati Uniti, il volume di vendite ha subito un crollo del 50%, in parte bilanciato dal discreto successo della linea Asha nei mercati emergenti. La divisione “Devices & Services” è dunque quella che ha subito perdite maggiori. Stephen Elop, CEO dell’azienda di Espoo, ha parlato chiaramente di trimestre difficile, ma rimane fiducioso per il prossimo trimestre, quando dovrebbero arrivare dati confortanti dalle vendite dei nuovi Lumia.

La disponibilità liquida netta ammonta a circa 3,6 miliardi di euro (-633 milioni rispetto al secondo trimestre). Questa somma include il pagamento di 202 milioni di euro effettuato da Microsoft per il supporto di Windows Phone. In questo momento, la borsa di New York sta reagendo senza particolari sussulti all’annuncio della trimestrale: il valore delle azioni Nokia è in leggera flessione rispetto alla chiusura di ieri (2,94 dollari).

Fonte: The Verge • Notizie su: