QR code per la pagina originale

CNN, aggregatore di notizie in stile Zite

La CNN ha lanciato Trends, un aggregatore di notizie online provenienti dalle principali testate giornalistiche mondiali.

,

Un nuovo progetto è nato in seno alla CNN, celeberrima emittente televisiva statunitense attiva anche nella distribuzione di news online. Trattasi di CNN Trends, un portale che si occupa di aggregare le news più importanti in un determinato giorno per fornire agli utenti nuovi spunti di lettura presso altri siti Web. Il tutto è basato sulle tecnologie realizzate da Zite, gruppo acquisito alcuni mesi fa proprio dalla CNN.

Con Trends, quindi, l’emittente statunitense intende trasformarsi nella principale risorsa di notizie aggregate del Web, seguendo la scia di quanto fatto da Techmeme nel campo della tecnologia. La pagina principale del servizio elenca così una serie di notizie corredate da un link verso un articolo sul sito CNN.com, una fotografia ed i link verso la stessa notizia presso i portali di alcune delle principali testate mondiali: Huffington Post, BBC, New York Times, Wall Street Journal e via discorrendo.

La mossa della CNN può risultare quindi per certi versi sorprendente, soprattutto alla luce dell’enorme quantitativo di link verso siti Web concorrenti. Mark Johnson, CEO di Zite, ha tuttavia sottolineato come il progetto abbia l’obiettivo di semplificare la ricerca di nuove fonti per arricchire la lettura di una particolare news: un’operazione, questa, eseguita quotidianamente da milioni di utenti e per tale motivo la CNN intende proporsi come soluzione definitiva in tal senso, proponendo il proprio nome in un altro contesto.

K.C. Estenson, general manager di CNN Digital, ha invece definito l’iniziativa «una vera scommessa», sottolineando tuttavia la fiducia riposta in essa dal gruppo. CNN Trends, inoltre, è soltanto allo stadio iniziale ma potrebbe presto evolversi per divenire un servizio ancora più completo, in grado di rispondere alle esigenze dei singoli visitatori, di fornire loro notizie coerenti con i rispettivi gusti e di districarsi all’interno delle dinamiche sociali del Web.

Fonte: Forbes • Notizie su: