QR code per la pagina originale

iPhone 5, gli slider sono bloccati

I pulsanti slider dell'iPhone 5, utilizzati per attivare o disattivare le impostazioni, non funzionano correttamente e rimangono bloccati.

,

La prima operazione effettuata dagli utenti dopo aver acquistato un iPhone consiste nell’attivazione e disattivazione delle numerose funzionalità del sistema operativo. La personalizzazione del dispositivo viene eseguita mediante i pulsanti “a scorrimento” (sliding button) posizionati accanto ad ogni voce. Sembra però che gli slider non funzionino correttamente sul nuovo iPhone 5. Fortunatamente esiste un workaroud per aggirare il problema in attesa di un auspicato intervento risolutivo da parte dei tecnici Apple.

La redazione di Network World ha scoperto l’esistenza del bug in tutti gli iPhone 5 provati, per cui non si tratta di un problema limitato e dipendente da un difetto di fabbricazione del touchscreen, ma è presente a livello di sistema operativo. Quando l’utente vuole, ad esempio, modificare le impostazioni delle notifiche deve attivare o disattivare le voci corrispondenti alle foto, ai messaggi, al calendario o al widget delle previsioni del tempo. Per ricevere le notifiche da tutte queste applicazioni, bisogna “scorrere” il pulsante da off a on.

Il meccanismo sembra funzionare correttamente, ma se l’utente cambia idea iOS 6 si rifiuta di disattivare la ricezione della notifica: il pulsante rimane bloccato su on. Solo dopo aver eseguito l’operazione di sliding diverse volte, lo smartphone risponde all’input delle dita. In pratica, il sistema operativo non registra il valore (on e off) quando viene effettuato lo scorrimento sul pulsante. Fortunatamente esiste un workaround: basta toccare direttamente le parole on e off, senza alcuno slide.

Il bug non è talmente grave da impedire l’utilizzo dello smartphone, ma un aggiornamento del sistema operativo da parte di Apple sarebbe certamente gradito dai suoi clienti per poter ripristinare la piena libertà di controllo delle impostazioni sullo smartphone.

Fonte: Network World • Notizie su: ,