QR code per la pagina originale

Siri in cerca di escort cinesi

La versione cinese di Siri è in grado di rispondere alle domande su come trovare le escort locali: potrebbe nascere un serio problema per Apple.

,

Non è ormai un segreto che la versione in lingua inglese di Siri, l’assistente vocale di Apple per iPhone 4S, iPhone 5 e nuovo iPad, sia in grado di rispondere alle domande su come trovare le escort sul territorio. Suscita però maggior clamore il fatto che anche in Cina avvenga la medesima cosa, e ciò potrebbe creare diversi problemi all’azienda di Cupertino dato che il governo cinese ritiene la prostituzione assolutamente illegale.

Diversi utenti cinesi hanno recentemente scoperto che la versione locale di Siri offre tale opportunità. Quando si pongono all’assistente vocale domande come “voglio vedere le prostitute”, Siri inizia a cercare le escort locali e offre risultati sugli annunci di “intrattenimento”. Non vengono mostrate immagini pornografiche, ma numerosissimi annunci sui servizi di escort, sulle discoteche e sugli altri luoghi nei quali è possibile trovarle.

Apple è da sempre stata contraria a includere contenuti pornografici nelle applicazioni per i propri dispositivi, ma con Siri sembra esser disposta a chiudere un occhio (in ottemperanza all’essenza di “mero strumento” con cui Siri si pone in funzione di assistente nella ricerca). Potrebbe però nascere un problema importante con le autorità cinesi, dato che la prostituzione è ritenuta assolutamente illegale e la polizia potrebbe decidere di approfondire la vicenda e agire di conseguenza nei confronti di Cupertino. Oppure potrebbe sfruttare il servizio di Siri per scovare le escort che lavorano sul territorio e tentare di arginare il problema agendo a monte.

Quella che in Russia è considerata la blasfema mela del peccato, insomma, in Cina trova ulteriore declinazione extra-religiosa. Ma stavolta è il peccato originale è in Siri.

Fonte: Tech In Asia • Via: The Register • Notizie su: