QR code per la pagina originale

Amazon, pubblicità contro l’iPad Mini

Amazon ha messo a confronto l'iPad Mini con il suo Kindle Fire HD in una campagna pubblicitaria che intende sottolineare i vantaggi del secondo.

,

Apple è ufficialmente entrata nel mercato dei tablet da 7 pollici e come prevedibile le reazioni da parte degli altri produttori non sono tardate ad arrivare. Amazon, ad esempio, ha risposto alla nuova offensiva di Cupertino sottolineando come il mercoledì successivo alla presentazione dell’iPad Mini sia stato registrato un nuovo record di vendite per il Kindle Fire HD, con cifre superiori di 3 volte alla media. Ma non solo: sul sito Web del gruppo statunitense il tablet della famiglia Kindle viene confrontato proprio con il nuovo nato in casa Apple, con l’obiettivo di illustrare i vantaggi del primo rispetto al secondo.

«Molto più per molto meno» è lo slogan con il quale Amazon riassume in breve l’iniziativa: cardine principale della nuova strategia è infatti la volontà di sottolineare l’enorme differenza di prezzo che separa i due dispositivi. Mentre il Kindle Fire HD è disponibile per 199 dollari, infatti, l’iPad Mini ha un prezzo base di 329 dollari e nonostante ciò, sottolinea il gruppo di Jeff Bezos, offre una serie di caratteristiche inferiori: si va dalla risoluzione alla densità di pixel (superiore del 30% rispetto alla tavoletta della mela morsicata), passando per la tecnologia utilizzata nella gestione delle connessioni Wi-Fi (superiore del 50% circa rispetto all’iPad, secondo Amazon) ed altri aspetti che secondo il colosso delle vendite online dovrebbero spingere gli utenti a preferire il Kindle Fire HD all’iPad Mini.

Il confronto tra Kindle Fire HD e iPad Mini secondo Amazon

La nuova campagna pubblicitaria campeggia in primo piano nella home page statunitense del portale e cita inoltre alcune testate giornalistiche d’Oltreoceano riprendendo alcune frasi che evidenziano le differenze tra i due tablet. Tale iniziativa dimostra quindi come la discesa in campo di Apple in un settore fino ad ora volontariamente ignorato dall’azienda di Cupertino rappresenti per la concorrenza un motivo di forte timore, potendo la mela morsicata attrarre a sé una grossa fetta d’utenza come dimostrato in passato con altri dispositivi.

Il mercato dei tablet da 7 pollici, insomma, è più acceso che mai e la sfida per il vertice sembra coinvolgere tre nomi di alto profilo quali quelli di Apple, Amazon e Google, con Samsung che per il momento è rimasta a guardare ma che presto potrebbe presentare importanti novità per rispondere alle offensive della concorrenza. Il tutto, in attesa che Windows 8 si faccia largo anche a bordo di tablet dotati di display di dimensioni inferiori, allargando ulteriormente la contesa.

Fonte: CNET • Notizie su: