QR code per la pagina originale

Inaugurato Venus, lo yacht della famiglia Jobs

In Olanda è stato inaugurato il panfilo voluto da Steve Jobs per la sua famiglia. Lungo quasi 80 metri, è in pieno stile Apple.

,

Menzionato nella biografia ufficiale di Steve Jobs scritta da Walter Isaacson, lo yacht della famiglia Jobs è quasi pronto a salpare. Nella cittadina olandese di Aalsmeer, infatti, la compagnia Feadship sta ultimando i lavori secondo i dettami del designer francese Philippe Starck, autore del progetto su commissione del compianto fondatore della mela morsicata. Grazie al portale olandese One More Thing è possibile ora dare uno sguardo allo yacht, grazie ad un video ed alcune foto pubblicate online.

Lungo circa 80 metri e rivestito di alluminio per rendere l’intera struttura più leggera, lo yacht è fortemente improntato al minimalismo, un concetto con il quale lo stesso Steve Jobs ha caratterizzato la propria permanenza al timone di Apple. Battezzato Venus, il panfilo è stato quindi ufficialmente varato alla presenza di Laurene Powell Jobs, la vedova dell’ex CEO di Cupertino, e dei loro tre figli in un evento privato tenutosi in Olanda. Presto, quindi, potrà solcare i mari per condurre la famiglia Jobs durante i suoi spostamenti.

I dettagli costruttivi dello yacht non sono stati resi pubblici, benché dalle immagini sia possibile notare la presenza di numerosi superfici in vetro e di alcuni iMac da 27 pollici nella sala di controllo, i quali rappresentano lo strumento principale a disposizione dell’equipaggio per monitorare attentamente ogni aspetto del panfilo. Lo stile per certi versi ricorda quello degli Apple Store, con ampi spazi caratterizzati da una forte luminosità: il tutto, quindi, ricalca alla perfezione la descrizione fornita nella biografia di Jobs da Walter Isaacson, il quale ha avuto accesso ai progetti dall’imbarcazione durante i colloqui con l’ex numero uno della mela morsicata.

Come in un Apple Store, i finestrini della cabina erano formati da grande lastre di vetro, alte quasi dal pavimento al tetto, e per la zona giorno principale erano state pensate pareti-vetrate lunghe dodici metri e alte tre. Steve aveva fatto progettare all’ingegnere capo degli Apple Store uno speciale vetro in grado di offrire sostegno strutturale.

Fonte: One More Thing • Via: The Verge • Notizie su: