QR code per la pagina originale

Google, piccole modifiche al layout dei risultati

Piccoli cambiamenti per la veste grafica dei risultati in Google: i link veloci alle ricerche orizzontali passano al di sopra dei contenuti.

,

Piccole novità di design in arrivo per le pagine di Google contenenti i risultati delle ricerche effettuate dagli utenti. Il colosso di Mountain View ha infatti annunciato la distribuzione dapprima negli Stati Uniti, successivamente nel resto del mondo, di un nuovo layout per il proprio motore di ricerca, il quale non ne modifica l’essenza ma ha l’obiettivo di rendere i risultati più semplici da visualizzare.

Il nuovo layout, ereditato dalla versione mobile del motore dopo alcuni mesi di sperimentazione anche nella versione desktop, presenta come principale novità lo spostamento dei link rapidi alle ricerche verticali: piuttosto che posizionarlo sulla sinistra, come attualmente presente nella versione italiana di Google, gli sviluppatori dell’azienda statunitense hanno preferito spostarla al di sopra dei risultati, realizzando una barra orizzontale per l’accesso veloce agli strumenti per la ricerca di immagini, video, news, mappe ed altri contenuti messi a disposizione dal motore californiano.

La nuova organizzazione dei risultati in Google

Tale cambiamento non rivoluziona dunque il modo di concepire le ricerche online, né tantomeno apporta innovazioni significative in termini di funzionalità a disposizione dell’utente. Fine ultimo di tale nuovo design è quello di offrire una migliore organizzazione dei contenuti nelle pagine dei risultati, realizzando una veste grafica che consenta di distinguere con maggiore velocità un risultato dall’altro e di individuare in maniera più efficiente quelli pertinenti con le proprie esigenze. I vantaggi in tal senso sono stati evidenti per l’azienda di Mountain View grazie alla distribuzione della nuova veste sui dispositivi mobile prima, e sui computer di alcuni utenti coinvolti nella sperimentazione nel settore desktop poi.

Nessun cambiamento, invece, dovrebbe riguardare la gestione dei risultati sponsorizzati, benché come sottolineato da CNET al momento alcune chiavi di ricerca non forniscano in alcun modo contenuti legati ad AdSense o altre forme di pubblicità. Il tutto dovrebbe risolversi una volta diramata la nuova versione a tutti gli utenti statunitensi, in attesa che altrettanto possa accadere anche per gli utenti del resto del mondo.

Fonte: Google • Via: CNET • Immagine: mallox • Notizie su: