QR code per la pagina originale

Un pezzo di Apple entra in Ferrari

Una mela in una mano ed un cavallino rampante nell'altra: Eddie Cue entra nel board dell'azienda italiana.

,

Un pezzo di Apple entra nel team Ferrari. Con un annuncio delle ultime ore, infatti, la casa di Maranello ha annunciato l’entrata nel Board of Director di Eddie Cue, già Senior Vice President Internet Software e Service di Apple.

La novità non è stata spiegata nel dettaglio, ma è stata così accompagnata dalle felicitazioni dello stesso Cue: «Sono molto felice e orgoglioso di far parte del board. È da quando ho 8 anni che sogno di avere una Ferrari e da cinque anni ho la fortuna di essere diventato un cliente. Il design e le qualità ingegneristiche uniche al mondo che solo la Ferrari sa raggiungere continuano a stupirmi». A fare da controcanto alle sue parole giunge anche il benvenuto del numero uno del gruppo italiano, Luca Cordero di Montezemolo: «molto lieto che uno degli artefici dei prodotti rivoluzionari della Apple entri a far parte del Consiglio. La sua profonda esperienza nel dinamico e innovativo mondo di internet ci sarà di grande aiuto».

L’interesse potrebbe essere reciproco e la figura di Eddie Cue potrebbe essere un importante ponte tra le due aziende. Cue è infatti oggi principale responsabile di Siri e dei servizi mappali di Cupertino (ha assunto il ruolo soltanto da poche settimane, a seguito della nota debacle Apple dopo l’addio a Google Maps), il che potrebbe rappresentare una interessante opportunità per sposare le necessità Apple con le opportunità emergenti nel mondo automotive. Apple ha da tempo siglato partnership con Mercedes Benz ed altri gruppi per portare i propri servizi sulle relative vetture, ma sposare il marchio Ferrari potrebbe avere in prospettiva un valore aggiunto fondamentale. Per il momento l’unico elemento in comune tra le parti è in uno degli elementi del board, il cui curriculum può ora vantare una posizione privilegiata all’interno di due delle aziende più profittevoli ed innovative presenti nei rispettivi comparti.

Fonte: ANSA • Notizie su: ,