QR code per la pagina originale

Eddy Cue spietato per le Mappe di iOS 6

Emergono nuove indiscrezioni su Eddy Cue dopo il licenziamento di Richard Williamson: il suo apporto alle Mappe è determinato, per non dire spietato.

,

Eddy Cue è diventato il personaggio cardine di Apple, il tutto nel giro di sole 48 ore. Già la scorsa settimana erano emerse le prime indiscrezioni sul ruolo del dirigente per la rinascita delle Mappe di iOS 6, ma il ritratto che ne viene tratteggiato a seguito del licenziamento di Richard Williamson è assolutamente affascinante. Cue è determinato, impassibile, talmente coraggioso da riuscire a orientare le scelte di un partner terzo come TomTom. In altre parole, l’uomo giusto al momento giusto.

L’esperienza di Cue fonda le proprie radici in tempi lontani: uomo di fiducia di Steve Jobs durante la parentesi NeXT, trasferito in Apple per occuparsi di realizzazione e promozione del software. La stampa ne ha molto parlato in occasione della recente svolta educational di iTunes e iBookstore, con il lancio dei libri di testo e il loro successo oltreoceano. Un uomo, insomma, che non sembra perdere un colpo. Un lavoratore instancabile tantomeno intenzionato a perdere la sfida per risollevare l’azienda dal claudicante esordio delle Mappe di iOS 6.

Si dice che Cue abbia avuto un ruolo predominante per l’esclusione di Scott Forstall da Apple, reo di non aver voluto ammettere gli errori delle Mappe controfirmando la lettera di scuse di Tim Cook. E le fonti affermano che sia stato proprio Cue a licenziare Williamson, nonostante la permanenza ultradecennale tra le fila di Cupertino. È il “fixer” ufficiale targato Mela, così come lo definiscono i media statunitensi, il risolutore di ogni problema della compagnia.

L’approccio scelto per il recupero delle Mappe di iOS 6 è spietato e diretto. Pare che Cue abbia già contatto una miriade di esperti esterni per rendere perfetta la cartografia degli iDevice, redarguendo anche TomTom per certi grossolani errori sui punti d’interesse e i dati di navigazione. Un fatto che il colosso dei navigatori sembra abbia dovuto accettare a denti stretti, pur di non perdere una partnership così gustosa come quella con Apple. Non bisogna, tuttavia, vedere Cue come una sorta di dittatore: molte fonti riferiscono come il nuovo gruppo interno di lavoro sia molto coeso e collaborativo e, soprattutto, determinato a scovare ogni singolo errore sulle Mappe. Tanto che il dirigente ha deciso di sfruttare questa coesione per coinvolgere l’intero organico di Cupertino nella caccia all’errore, con un tool apposito di segnalazione. Dalla segretaria generica a Tim Cook, infatti, ogni dipendente è ora tenuto a riferire strade errate, punti di interessi inesistenti o rendering 3D fallaci riscontrati nell’uso quotidiano degli iDevice in loro dotazione. Insomma, con Eddy Cue è molto difficile che le Mappe possano imbattersi in ulteriori figuracce. E se così fosse, non resta che attendersi una nuova tornata di licenziamenti che lo stesso dirigente avrà il piacere di firmare.

Fonte: AppleInsider • Via: TUAW • Notizie su: ,