QR code per la pagina originale

Microsoft consiglia di passare ad Outlook.com

Dalla prossima settimana Microsoft invierà messaggi e mostrerà banner all'interno di Hotmail per convincere gli utenti a scegliere Outlook.com.

,

Outlook.com è il nuovo servizio di posta elettronica che prenderà il posto di Hotmail. L’accoglienza da parte degli utenti è stata molto positiva, come dimostra il traguardo dei 25 milioni di account, molti dei quali provenienti da Gmail. A partire dalla prossima settimana, Microsoft avvierà una campagna di marketing per convincere gli utenti a sostituire Hotmail con Outlook.com. Per il momento però i due servizi coesisteranno, in quanto l’azienda non ha ancora stabilito una data precisa per la dismissione del servizio nato nel 1996.

Lo switch da Hotmail ad Outlook.com è opzionale ed è possibile utilizzare l’indirizzo Hotmail sul dominio Outlook.com, invece di effettuare una nuova registrazione. Hotmail però ha i giorni contati. Alcuni utenti hanno iniziato a vedere sui loro account messaggi o banner pubblicitari che invitano al passaggio, una sorta di consigli che Microsoft mostrerà con maggiore insistenza dalla prossima settimana.

David Law, Director of Product Management di Outlook.com, ha dichiarato che non ci sarà nessun obbligo. Lo spazio alla destra della pagina, solitamente riservato alle inserzioni, verrà utilizzato solo per descrivere le funzionalità del nuovo servizio di posta elettronica. Attualmente è ancora possibile aprire un account su Hotmail, ma prima o poi il dominio verrà disattivato. Law comunque garantisce che non ci sarà nessun inconveniente durante la fase di switch:

Vogliamo rassicurare le persone che non dovranno cambiare il loro indirizzo email o le loro password. Non perderanno nessuna email o evento del calendario. Nessuna modifica, solo una nuova interfaccia utente.

Ma quando avverrà il passaggio definito? Law non specifica una data precisa, ma è certo che passarà ancora parecchio tempo:

Il nostro obiettivo è quello di portare tutti su Outlook. Spingeremo un po’ su questo, ma come update opzionale. Ad un certo punto non ci saranno più utenti da spostare. Non abbiamo ancora fissato una data.

Fonte: The Next Web • Notizie su: ,