QR code per la pagina originale

Football Manager Handheld 2013 scende in campo

SEGA e Sports Interactive lanciano oggi le versioni Android e iOS del manageriale calcistico per eccellenza: ecco Football Manager Handheld 2013.

,

Le classifiche di vendita dei videogiochi in Italia sono monopolizzate ogni anno nel periodo invernale dai titoli calcistici: le simulazioni FIFA e Pro Evolution Soccer vanno letteralmente a ruba nei negozi, ma anche i manageriali non sono da meno. Il capostipite e re incontrastato di questo genere risponde al nome Football Manager 2013. Una produzione che a ogni stagione tiene incollati al monitor milioni di allenatori virtuali, da qualche tempo disponibile anche in una versione destinata ai dispositivi mobile.

Football Manager Handheld 2013 fa oggi il suo debutto su smartphone e tablet equipaggiati con sistemi operativi Android e iOS, rispettivamente sugli store Google Play e App Store, in vendita al prezzo di 8,99 euro. Molte le novità introdotte dalla software house britannica rispetto all’edizione precedente, ovviamente a partire da un database aggiornato per quanto riguarda rose delle squadre, formazioni e tornei.

14 i campionati giocabili: Australia, Belgio, Brasile, Inghilterra, Francia, Germania, Olanda, Italia, Irlanda del Nord, Portogallo, Irlanda, Spagna e Galles. Sono inoltre presenti le foto dei calciatori (nei paesi coperti dalla licenza ufficiale) ed è stata migliorata la gestione dei rapporti con la stampa.

Pieno supporto all’italiano, come ben visibile dalla galleria di screenshot allegata di seguito. L’edizione Android del gioco è compatibile con tutti gli smartphone e tablet in commercio (versione 2.2 Froyo o successive), mentre quella iOS è ottimizzata appositamente per iPhone 5, ma può essere eseguita anche sui device più datati (dalla release 4.3 in poi). Va infine segnalato il debutto delle microtransazioni in-app, che a fronte di un esborso economico aggiuntivo consentono di ottenere vantaggi per il gameplay, come “Espandi stadio” e “Fonda l’Accademia delle giovanili”.