QR code per la pagina originale

Addio a Windows Live Mesh, tutti su SkyDrive

Windows Live Mesh verrà sostituito da SkyDrive, ma il nuovo servizio di cloud storage non integra alcune interessanti feature della vecchia applicazione.

,

Microsoft ha annunciato che, a partire dal 13 febbraio 2013, Windows Live Mesh verrà ufficialmente ritirato e tutte le funzionalità cesseranno di funzionare. Disponibile dal 2008, l’applicazione è stata molto apprezzata dagli utenti che aveva la necessità di sincronizzare file e cartelle tra PC, non solo tra PC e cloud. L’azienda di Redmond ha però deciso di abbandonare il software per dare spazio a SkyDrive, disponibile in versione web e su tutti i principali sistemi operativi (Windows, Windows Phone, OS X, iOS e Android), oltre che sulla Xbox 360.

Nel corso degli ultimi anni Microsoft ha investito molte risorse su SkyDrive, cercando di portare le funzionalità di Windows Live Mesh in un unico servizio. Secondo i dati rilevati dalla software house di Redmond, oggi ci sono oltre 200 milioni di utenti che usano SkyDrive, mentre per Windows Live Mesh ci sono meno di 25.000 utenti attivi. Tra circa due mesi quindi l’applicazione verrà ritirata, per cui gli utenti dovranno seguire le istruzioni fornite per salvare sul computer i file memorizzati sul cloud di Mesh.

Con un post pubblicato sul blog ufficiale, Microsoft spiega come è possibile svolgere con SkyDrive alcune operazioni offerte da Windows Live Mesh: sincronizzazione dei file tra PC, Mac e cloud; accesso al PC da remoto; condivisione di cartelle tra utenti. Le stesse funzionalità sono disponibili mediante l’applicazione SkyDrive e il sito web SkyDrive.com.

In realtà, come dimostrano i numerosi commenti di protesta, Windows Live Mesh è molto più completo di SkyDrive. Quest’ultimo infatti permette solo la sincronizzazione tra computer e nuvola, non tra due e più PC in modalità peer-to-peer. Anche se offre uno spazio gratuito maggiore (7 GB contro 5 GB, più le opzioni di abbonamento), SkyDrive permette di copiare file con dimensioni massime di 2 GB, mentre Live Mesh supporta file singoli fino a 40 GB. Inoltre, SkyDrive sincronizza solo i file presenti nella sua cartella, mentre Live Mesh permette di sincronizzare qualsiasi cartella del computer.

A differenza di Windows Live Mesh, SkyDrive non offre una completa funzionalità di desktop remoto, per cui gli utenti dovranno utilizzare la feature integrata nel sistema operativo (solo nelle versioni Professional, Business, Enterprise e Ultimate), oppure software di terze parti, come LogMeIn, consigliato dalla stessa Microsoft. Forse sarebbe meglio aggiornare SkyDrive prima di abbandonare definitivamente Windows Live Mesh.

Fonte: SkyDrive Blog • Notizie su: ,