QR code per la pagina originale

Garante per la Privacy: consultazione sui cookie

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali annuncia una consultazione in merito ad un provvedimento per la regolamentazione dell'uso dei cookie.

,

Trasparenza, informazione e consapevolezza: sono questi gli ingredienti che, secondo il Garante per la Protezione dei Dati Personali, debbono contraddistinguere il modo in cui utenti ed aziende dialogano per mezzo dei cookie. I “cookie” sono piccoli file contenenti informazioni relative al comportamento dell’utente online. Possono quindi seguirne il percorso, tracciarne le azioni e registrarne i gusti, mettendo tali informazioni a disposizione dell’azienda che ne trae beneficio. Non sempre, però, tale procedura è debitamente regolamentata e, soprattutto, non sempre l’utente è pienamente consapevole di questo scambio di informazioni.

Il Garante intende però ora intervenire sulla questione offrendo una prima risposta ad un punto interrogativo che grava sulla privacy degli utenti: «Chi naviga on line potrà presto decidere in maniera libera e consapevole se far usare o no le informazioni sui siti visitati per ricevere pubblicità mirata. Lo aiuterà un’informativa semplice, chiara e di immediata comprensione sull’uso dei cookie che il Garante sta mettendo a punto». Una promessa ed una dichiarazione di intenti, che il Garante non vuole però affrontare in solitaria. Ecco perché l’Authority ha pensato di aprire una consultazione nel tentativo di coinvolgere privati e centri di ricerca nel dirimere la questione:

Con le nuove regole europee i cookie “tecnici” possono essere utilizzati anche senza consenso, ma rimane naturalmente fermo per i gestori dei siti l’obbligo di informare gli utenti della loro presenza in maniera il più possibile semplice, chiara e comprensibile. È obbligatorio invece il consenso preventivo e informato dell’utente per tutti i cookie “non tecnici”, quelli cioè che, monitorando i siti visitati, raccolgono dati personali che consentono la costruzione di un dettagliato profilo del consumatore, e che proprio per questo motivo presentano maggiori criticità per la privacy degli utenti. I gestori dei siti non possono, dunque, installare cookie per finalità di profilazione e marketing sui terminali degli utenti senza averli prima adeguatamente informati e aver acquisito un valido consenso.

Una volta pubblicato il provvedimento viene fissata una scadenza per un range temporale pari a 90 giorni entro i quali chiunque può portare la propria esperienza al Garante al fine di giungere ad un approfondimento della questione. Il Garante terrà in considerazione tutte le osservazioni giunte presso la casella di posta elettronica consultazionecookie@gpdp.it.

Fonte: Garante per la privacy • Immagine: John Smith • Notizie su: