QR code per la pagina originale

Wi-Fi 802.11ac superveloce per i Mac del 2013

Apple avrebbe stretto accordi con Broadcom per l'implementazione del Wi-Fi 802.11ac, il Wi-Fi superveloce, sulla prossima generazione di Mac.

,

Sebbene negli ultimi tempi Apple sia fortemente orientata ai device iOS, diventati ormai il suo core business, l’azienda non si è di certo dimenticata del comparto Mac. Nel 2012 ha sbaragliato tutti sul mercato non solo con alte vendite nonostante la crisi, ma anche per aver introdotto i primi laptop al mondo dotati di Retina Display. Nel 2013, invece, pare che le intenzioni della Mela siano tutte orientate a rendere la connettività più veloce, in particolare con l’implementazione del Wi-Fi 802.11ac, il “Wi-Fi superveloce”.

Lo standard Wi-Fi 802.11ac, detto anche 5G Wi-Fi, è in grado di raggiungere velocità di trasmissione di 1.3 Gbps contro i 450 Mbps massimi dell’802.11n, la tecnologia al momento in voga su laptop e device tascabili di tutto il mondo. Tale standard è stato elaborato da Broadcom, con cui Apple avrebbe stretto di recente degli speciali accordi per i Mac che verranno rilasciati nel corso dell’anno appena cominciato.

A diramare l’indiscrezione è Matt Brian di The Next Web, il quale riporta alcune fonti che confermerebbero l’accordo ormai avvenuto fra le due società:

«Ci è stato detto che, qualora si procedesse secondo i tempi prefissati, lo standard sarà incluso nelle prossime linee di computer Mac. Nessuna parola invece sull’introduzione di simili chipset in iPhone, iPad, Apple TV o altri prodotti.»

Oltre ai Mac, in particolare le soluzioni portatili, lo standard è ovviamente atteso anche su tutti gli strumenti di connettività già nel catalogo di Cupertino, come i prodotti Airport o Time Machine. Per quale motivo, tuttavia, Apple è così interessata a uno standard ultra-veloce considerato come la banda Internet disponibile nelle abitazioni rarissimamente raggiunga gli 1.3 Gbps? La risposta potrebbe essere molto semplice: AirPlay.

AirPlay è la tecnologia che ha Apple ha implementato su gran parte dei propri device per consentire lo streaming casalingo di contenuti multimediali, anche in alta qualità. Con AirPlay, ad esempio, si può riprodurre un filmato in HD archiviato su iPad sulla TV di casa tramite Apple TV, oppure condividere la propria libreria musicale iTunes da una stanza all’altra del proprio appartamento. Va da sé, di conseguenza, come questo tipo di scambi domestici necessitino di un’altissima ampiezza di banda per operare in real time, quindi l’abbattimento del muro dei 450 Mbps può aprire spiragli ghiotti per l’intrattenimento in salsa Mela.

Cupertino è sempre stata interessata, e all’avanguardia, in fatto di connettività Wi-Fi. Il primo laptop dotato di questa tecnologia è un iBook del 1999, presentato sul palco da un ironico Steve Jobs tra lo stupore della folla. Ai tempi pareva impensabile potersi connettere alla Rete in modalità senza fili, tanto che Jobs fu simpaticamente costretto a sventolare un hula-hoop attorno al computer per dimostrare l’assenza di cavi alla folla esterrefatta. In tempi più recenti, Apple ha promosso strenuamente lo standard 802.11n, adottato con quasi tre anni d’anticipo rispetto agli altri produttori.