QR code per la pagina originale

Microsoft Surface Pro disponibile dal 26 gennaio?

Entro fine mese arriverà sul mercato anche il Surface con Windows 8 Pro. I preordini dovrebbero iniziare dopo la chiusura del CES 2013.

,

Mentre si attende l’arrivo in Italia del primo modello con Windows RT, Microsoft si appresta a lanciare il secondo Surface basato su Windows 8 Pro. Secondo quanto affermato dalla stessa azienda di Redmond, in occasione della presentazione di giugno 2012, il tablet destinato principalmente all’utenza business dovrebbe arrivare nei negozi circa 90 giorni dopo il primo modello, per cui la data coinciderebbe con il 26 gennaio. I Microsoft Store contattati da CNET confermano questa scadenza.

Microsoft non ha fornito finora dati ufficiali sulle vendite, ma altre fonti ritengono che la quota di mercato del Surface sia ancora trascurabile, quindi non in grado di impensierire l’iPad di Apple e i numerosi tablet Android. Forse per tale motivo, l’azienda di Redmond ha deciso di vendere il suo dispositivo anche al di fuori dei Microsoft Store. La data esatta di inizio commercializzazione verrà comunicata nei prossimi giorni. Sono però già noti i prezzi al pubblico: 899 dollari per la versione con 64 GB di memoria interna e 999 dollari per la versione con 128 GB. Entrambe includeranno lo stilo Palm Block, ma non le Touch e Type Cover, vendute separatamente.

Si tratta chiaramente di cifre molto elevate e non alla portata di tutte le tasche. Microsoft ha giustificato questi prezzi dicendo che il Surface Pro deve essere considerato un sostituto di un notebook (o meglio di un ultrabook), in quanto offre tutte funzionalità desiderate da un utente aziendale, in particolare la compatibilità con le applicazioni desktop. Il Surface Pro, infatti, integra un processore Intel Core i5 (Ivy Bridge), oltre ad un display full HD da 10,6 pollici, una porta USB 3.0 standard e un’uscita Mini DisplayPort.

I preordini dovrebbero iniziare pochi giorni dopo la chiusura del CES 2013. L’annuncio avverrà in un luogo diverso, dato che Microsoft ha deciso di non partecipare più allo show di Las Vegas.