QR code per la pagina originale

iPhone e iPad, i dispositivi più rubati di sempre

iPhone e iPad sono i device più rubati, tanto da costringere la città di New York a stilare consigli anti taccheggio per gli utenti targati Mela.

,

Se la bontà di un device si misurasse in base alla richiesta sul mercato nero, Apple non avrebbe di certo rivali. Secondo quanto riporta ZDNet, infatti, iPhone e iPad si posizionano al primo posto della classifica dei dispositivi più rubati di sempre, battendo ogni forma di concorrenza. Certo, non è forse un traguardo edificante, tuttavia si tratta di un’utile cartina al tornasole per capire in che modo sia orientata la domanda del pubblico. Perché questi crimini, ovviamente, seguono la richiesta incessante da parte dei consumatori.

Nel corso del 2012, iPhone è stato superato dalla concorrenza Android, nonostante le vendite di iPhone 5 siano state comunque promettenti. La varietà di dispositivi presenti nell’universo digitale di Google, a cui si aggiungano dei costi più abbordabili rispetto a quelli di Cupertino, han reso il robottino verde particolarmente appetibile per l’utenza. Eppure i ladri non sembrano prendere Android in particolare considerazione, a eccezione forse del Galaxy S3 di Samsung, il successo commerciale dell’ultima stagione.

In una recente indagine sul crimine riportata dal The New York Times, si evidenzia come i furti sembrino del tutto bypassare il mondo Android e il nascente universo di Windows 8, così come confermano gli ufficiali di polizia di New York City. Se si eliminassero i crimini su iPhone e iPad, così come il portavoce della municipalità Marc La Vorgna conferma, il tasso di furti di device da taschino si attesterebbe sullo zero per l’intero anno. Un fatto, quest’ultimo, ribadito anche dal sindaco Michael Bloomberg, il quale si è sentito in dovere di fornire alcuni consigli per tutti gli iUser affinché non cadano in eventi spiacevoli. Sì, perché gli iDevice non vengono sottratti indebitamente solo dai magazzini, ma anche dai legittimi proprietari e spesso con metodi aggressivi.

Innanzitutto, sarebbe buona norma conservare gli iDevice nelle tasche interne degli abiti, meno accessibili ai taccheggiatori grazie anche alla maggiore sensibilità tattile che offrono al proprietario. Inoltre, pare che la sostituzione degli auricolari abbia degli effetti straordinari sull’abbattimento dei furti: scegliendo delle cuffie di colore nero, ad esempio, si spinge il malintenzionato a credere di utilizzare un device diverso da un prodotto a marchio Mela, tipicamente dotato di cavi bianchi.

Infine, vale la pena di ricordare come l’acquisto di un prodotto rubato abbia serie conseguenze legali anche sul consumatore. Non solo perché l’IMEI di un iPhone rimane visibile e sarà associato alla SIM dell’acquirente di merce rubata, ma anche perché il nostro ordinamento vigono i reati di ricettazione e incauto acquisto. Il primo definisce quella specifica situazione in cui il cliente è consapevole di acquistare prodotti di provenienza dubbia o illecita, il secondo punisce chi con superficialità non verifica l’origine di un acquisto.