QR code per la pagina originale

Chrome 25 beta con riconoscimento vocale

Disponibile Chrome 25 beta con Web Speech API, che gli sviluppatori potranno sfruttare per funzionalità legate al riconoscimento vocale.

,

A pochi giorni di distanza dal rilascio della versione 24, Google pubblica un nuovo aggiornamento per il suo browser dedicato alla navigazione Web. Si tratta di Chrome 25 beta, con l’introduzione di novità che faranno la loro comparsa nelle prossime stable version. La più importante e interessante riguarda la Web Speech API, una API Javascript che consentirà agli sviluppatori di sfruttare la tecnologia di riconoscimento vocale per far interagire gli utenti con il software.

Un primo esempio è già online, ma richiede per forza di cose l’installazione sul computer di Chrome 25 beta e la presenza di un microfono. Come ben visibile nel filmato in streaming di seguito, è possibile dettare il testo di un’email al browser, facendo attenzione a specificare la punteggiatura quando necessaria. Una tecnologia già vista all’opera sui dispositivi mobile (con Google Now per Android e Siri per iOS) raggiunge dunque anche l’ambito desktop, avvicinando ulteriormente i due mondi.

Le novità non finiscono qui. Google ha annunciato nel mese di dicembre l’intenzione di inserire un campo dedicato alle ricerche nella pagina “Nuova scheda”, lasciando comunque l’utente libero di trovare contenuti online semplicemente digitando le keyword nella cosiddetta Omnibox (la polifunzionale barra dell’indirizzo di Chrome). La funzionalità è presente nella beta del software rilasciata oggi, insieme alla disabilitazione automatica di tutte quelle estensioni installate senza chiedere il consenso esplicito dell’utente. Una scelta, quest’ultima, presa da Google al fine di tutelare la sicurezza di chi naviga in Rete.

Si segnalano infine altre novità presenti nel changelog, come un migliore supporto alle specifiche HTML5 e alla gestione degli errori WebGL. Al momento Chrome 25 è disponibile esclusivamente in beta, ma conoscendo le tempistiche solitamente adottate da Google, il rilascio non dovrebbe tardare più di qualche settimana.

Fonte: Google Chrome blog • Notizie su: ,