QR code per la pagina originale

TACMA, un film sulla privacy online

Presentata al Sundance Film Festival la pellicola Terms And Conditions May Apply, che affronta la questione relativa a privacy online e dati personali.

,

C’è spazio anche per una pellicola su motori di ricerca, social network e servizi online al Sundance Film Festival, kermess cinematografica ideata e promossa dall’attore Robert Redford. Il lungometraggio in questione si intitola “Terms And Conditions May Apply”, un chiaro ed esplicito riferimento ai termini e alle condizioni che gli utenti si trovano a dover accettare per usufruire di piattaforme come GoogleFacebook.

Il documentario è diretto da Hoback Cullen e analizza l’evoluzione del concetto di privacy nell’era del Web 2.0, dove tutto è condiviso, dato in pasto alla grande Rete e a chi gestisce le sue piattaforme più utilizzate. Il regista sostiene che qualsiasi informazione fornita finisca in un calderone da cui realtà come bigG (ma non solo) possono ricavare dettagli significativi su abitudini e gusti personali dell’utenza, così da fornire inserzioni pubblicitarie tagliate su misura e di conseguenza generare profitti. Niente di nuovo, ma l’obiettivo di TACMA è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica su un punto spesso sottovalutato: il tutto avviene con il consenso di chi naviga, tramite un semplice click.

A sostegno della propria tesi Cullen mostra alcuni fatti realmente accaduti, come l’irruzione dei soldati SWAT nell’abitazione di un comico statunitense, oppure l’arresto di uno scrittore “colpevole” di aver cercato su Internet informazioni riguardanti alcuni omicidi. Il tutto a causa dell’applicazione a sproposito del Patriot Act, la legge approvata in seguito agli attentati dell’11 settembre al fine di scovare in Rete pericoli riguardanti il terrorismo, ma spesso sfruttata in modi che risultano lesivi per la privacy dei cittadini.

Per il momento Google e le altre società citate in “Terms And Conditions May Apply” non hanno rilasciato alcun commento sulla pellicola, il cui esordio nelle sale cinematografiche non è ancora stato annunciato. Merita una visita anche il sito ufficiale del progetto, con una homepage che fa il verso all’ormai onnipresente pulsante “I agree”.

Cliccando su “I agree” nella pagina precedente hai accettato quanto segue: siamo i legittimi proprietari di tutto ciò che farai su questo sito, ogni cosa pubblicata rimarrà per sempre in possesso di chi lo gestisce. Inoltre, se in futuro si potrà leggere il pensiero, saremo autorizzati a farlo.

Fonte: TACMA • Via: La Stampa • Notizie su: ,