QR code per la pagina originale

Samsung Music Hub per tutti

L'azienda sudcoreana annuncia che il servizio Samsung Music Hub sarà presto accessibile anche dai dispositivi commercializzati da altri produttori.

,

Annunciato a fine maggio, Samsung Music Hub è il servizio musicale basato su piattaforma cloud che il produttore sudcoreano ha messo a punto per chi possiede uno smartphone Galaxy S3 o un phablet Galaxy Note 2. Fino a oggi non si è potuto parlare di un concorrente per Google Music, Amazon Cloud Player o Sony Unlimited Music, ma le cose sembrano destinate a cambiare: TJ Kang, vicepresidente della sezione Media Services del gruppo, ha dichiarato sulle pagine di The Next Web che il servizio di streaming sarà reso compatibile anche con i dispositivi commercializzati da altri produttori.

Nessuna informazione in merito alle tempistiche necessarie per poter vedere Music Hub su telefoni e tablet ad esempio di HTC, LG o per quelli della linea Nexus. L’accesso alla piattaforma è ad oggi consentito tramite un’applicazione già distribuita gratuitamente sullo store Google Play, dunque estendere il supporto ad altri device potrebbe essere piuttosto semplice. Nell’occasione Kang ha anche confermato l’intenzione di lanciare il servizio in nuovi territori (al momento attivo solo in sei paesi), ma per questo sarà necessario stringere accordi in merito alla gestione del diritto d’autore.

Music Hub non potrà forse competere fin da subito ad armi pari con realtà come Google Music, ma le ambizioni dell’azienda sono grandi. La piattaforma è stata realizzata dal team mSpot, acquisito appositamente a questo scopo nella primavera scorsa. Per capire quanto Samsung consideri essenziale lo streaming musicale per il proprio business relativo al mercato mobile è sufficiente pensare che si tratta della prima acquisizione dal lontano 1997, anno in cui il colosso asiatico fece proprio il produttore AST Research impegnato in ambito PC. Nella giornata di oggi TJ Kang sarà presente all’evento Midem Visionary Monday, in Francia. Non è da escludere la possibilità che durante il suo intervento possano emergere nuovi dettagli sugli sviluppi futuri del progetto.